Lato B perfetto? Con la gluteoplastica non è più un sogno

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 23/01/2020 Aggiornato il 23/01/2020

La soluzione chirurgica per un lato B al top è la gluteoplastica, intervento sicuro e dai risultati duraturi

Lato B perfetto? Con la gluteoplastica non è più un sogno

Il migliore rimane sempre quello di Jennifer Lopez che nonostante l’età che avanza continua a sfoggiare un lato B da urlo. Per capire il segreto del suo successo è stato scomodato persino un pool di ricercatori universitari, che a suon di studi e misurazioni, hanno verificato che a far la differenza è la curvatura a 45,5° della colonna di J.Lo, capace di spingere fuori il derrière quel giusto che lo rende irresistibile.

Se serve una revisione

Secondo i sondaggi, per il 55% delle italiane sono proprio i glutei la parte del corpo che avrebbe bisogno di una drastica revisione. Per questo cresce il numero di chi che, per avere un lato B perfetto, si rivolge al chirurgo estetico. “Per chi vuole un gluteo alto e sodo, contrastando i cedimenti ma anche la mancanza di volume, l’intervento di elezione è la gluteoplastica capace di assicurare ottimi risultati senza presentare particolari controindicazioni» precisa il professor Daniele Spirito, chirurgo plastico a Roma, docente presso la cattedra di Chirurgia Plastica dell’Università di Milano, che da tempo esegue con successo questa metodica importata dal Brasile.

Come si interviene

L’intervento viene eseguito in anestesia totale oppure epidurale, come stabilito dal chirurgo nel corso di un’attenta analisi preliminare. Viene poi praticata un’incisione di cinque-sei centimetri nel solco intergluteo dal quale viene inserita all’interno del muscolo una protesi di silicone duro. “La cicatrice rimane del tutto invisibile e il decorso post-operatorio è piuttosto rapido, anche se per 10-15 giorni è importante fare attenzione a non cambiare bruscamente la posizione, da sdraiati a seduti o in piedi, onde evitare di tirare eccessivamente la zona di incisione. In ogni caso nell’arco al massimo di una ventina di giorni è possibile tornare tranquillamente alla vita consueta” rassicura l’esperto.

Quali vantaggi

A differenza delle metodiche precedenti “la protesi non viene messa sotto il muscolo ma al suo interno in modo che risulti invisibile e impercettibile, sicura e anche duratura. Un vantaggio rispetto ad altre tecniche fino a oggi impiegate, come l’innesto di tessuto adiposo che può aiutare sicuramente a migliorare forma e volume del lato B, ma con risultato circoscritto nel tempo visto che il grasso progressivamente si riassorbe e questo costringe a nuovi innesti” conclude l’esperto.

 

 

Lo sapevi che?

Per un lato B perfetto la ginnastica è fondamentale. L’esercizio più semplice ma efficace? Salire le scale a piedi, un movimento che mette in moto i grandi muscoli dei glutei rassodandoli.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti