Lifting addio con la ginnastica facciale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/02/2014 Aggiornato il 20/02/2014

  Bastano pochi minuti al giorno. Con la ginnastica facciale si prevengono rughe e cedimenti

Lifting addio con la ginnastica facciale

 

Il viso è come il corpo: solo tenendo in forma i muscoli si può evitare che ceda e perda giovinezza prima del tempo. Semplice ma efficace, la ginnastica facciale rappresenta una valida soluzione per prevenire e tenere sotto controllo le rughe, in particolare quelle di espressione dovute alla mimica facciale o derivanti dal pc. Unica regola da rispettare: perché la ginnastica facciale dia buoni risultati, occorre essere costanti e ripetere i movimenti ogni giorno davanti allo specchio. Un impegno, quello della ginnastica facciale, che non ruba più di cinque minuti ma che deve diventare un appuntamento fisso di prevenzione anti-rughe nella routine di bellezza quotidiana. Anche di una neomamma.

Per una fronte liscia

Corrugate le fronte aggrottando le sopracciglia come per imitare un viso imbronciato. Contate fino a 10, poi rilassate il viso e alzate le sopracciglia spalancando gli occhi. Ripetete l’intera sequenza per 10 volte.

Per zigomi pieni

Con le labbra disegnate una “O” molto aperta e subito dopo fate una “A” ampia. Ripetete 10 volte e poi “risucchiate” le guance tenendo la posizione per 20 secondi.

Per labbra giovani

Raggrinzate le labbra come se voleste dare un bacio e tenete la posizione per 5 secondi. Rilassate le labbra e ripetete il movimento per 10 volte.

Per un collo tonico

Appoggiate le mani incrociate alla base del collo; sollevate il mento e da questa posizione aprite e chiudete la bocca come per imitare il movimento di un pesce che boccheggia. Ripetete per un minuto.

Per uno sguardo più fresco

Tenendo la testa ferma, ruotate lo sguardo in senso orario per 5 volte; spostate lo sguardo velocemente dall’alto verso il basso per 5 volte, poi eseguite il movimento in diagonale sempre per 5 volte.

Per contrastare le guance cadenti

Appoggiate le mani incrociate alla base del collo; sollevate il mento e premete le labbra contro i denti. Da questa posizione aprite e chiudete la bocca ripetendo il movimento per un minuto di seguito. 

In breve

PER TUTTE LE ETÀ

La ginnastica facciale è indicata per tutte le età, in particolare dopo i trent’anni per prevenire i segni del tempo. Può essere eseguita in ogni momento della giornata: una volta imparati, i movimenti sono semplici e si possono fare appena si ha un attimo di tempo, anche quando si guarda la televisione oppure si resta immerse nella vasca. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti