Manicure, bella ma soprattutto sicura

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 13/11/2018 Aggiornato il 13/11/2018

La manicure regala fascino alle mani ma deve essere sicura per non rovinare le unghie

Manicure, bella ma soprattutto sicura

I servizi di manicure e pedicure negli ultimi anni hanno conosciuto un vero boom, registrando un più 46% di richieste. È quanto emerge da un’analisi sui trend condotta tra il giugno 2012 al giugno 2017. Per gli italiani avere le mani curate è sinonimo di ordine, pulizia e per le donne di fascino e glamour. Gran parte del merito va allo smalto che aggiunge brillantezza e colore. Ma quello che conta quando si parla di manicure è soprattutto la sicurezza. Se ne è parlato anche all’XI Convegno dell’Associazione Italiana di Dermatologia e Cosmetologia (Aideco).

Semipermanenti

In tema di smalti semipermanenti, il professor Leonardo Celleno, presidente Aideco, sostiene che se ben formulati e ben applicati, non sono pericolosi, anche se un loro uso eccessivo o troppo prolungato può comunque danneggiare la lamina ungueale. Tutti i prodotti disponibili in ogni caso si possono considerare sicuri solo quando conformi alle normative vigenti e impiegati da personale professionista.

Ricostruzione

Per quanto riguarda la ricostruzione, dovrebbe essere praticata solo da persone qualificate del settore. Diversi studi riportano che il più importante rischio associato all’uso di questa tipologia di prodotto, che permette di ricreare e allungare l’unghia, sembra essere l’allergia da contatto legata ad alcuni particolari ingredienti (per esempio i composti acrilici come l’Hema [nome chimico 2-idrossietil metacrilato] e il Di-Hema Trimethylhexyl Dicarbamate [nome chimico 7,7,9 (o 7,9,9 ) -trimetil-4,13-diosso-3,14-diosso-5,12-diazaesadecano-1,16-diile bismetacrilato]) che compare più frequentemente a livello delle unghie e della punta delle dita. Nel caso quindi di prurito, rossore, gonfiore, lesioni è opportuno interrompere subito l’utilizzo di questi prodotti e rivolgersi al dermatologo.

I danni nel lungo periodo

L’applicazione ripetuta di smalti di scarsa qualità o male applicati e anche l’uso di solventi irritanti possono provocare problemi all’integrità dell’unghia, oltre che indebolire e predisporre alla comparsa di macchie gialle o di striature sulla lamina ungueale. Nel lungo periodo l’unghia potrebbe risultare pertanto fragile, meno compatta e con una superficie meno liscia. Un’attenzione particolare alla manicure va prestata in gravidanza e durante l’allattamento al seno().

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

La lamina ungueale è una struttura praticamente impermeabile e quindi l’applicazione di questi prodotti di per sé non ne determina l’assorbimento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti