Medicina estetica: i selfie alimentano le richieste

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 09/12/2019 Aggiornato il 09/12/2019

Per un selfie perfetto e per vedersi più giovani crescono di continuo i numeri della medicina estetica

Medicina estetica: i selfie alimentano le richieste

C’è chi lo chiama effetto Instagram per indicare il trend che spinge verso trattamenti di medicina estetica, a volte anche di chirurgia plastica, alla ricerca del selfie perfetto. A confermarlo è anche l’autorevole Accademia Americana di Chirurgia Ricostruttiva e Plastica, che segnala l’impennata di richieste proprio per conquistare like.

La situazione nel nostro Paese

In Italia la tendenza è stata fotografata attraverso i dati dell’Osservatorio nazionale di Medicina estetica della società scientifica Agorà. I numeri confermano innanzitutto il trend in costante crescita della medicina estetica che dal 2018 al 2019 ha registrato un +3,3% di richieste da parte degli uomini e un +16,2% delle donne. Basta però fare un raffronto con i dati degli ultimi dieci anni per vedere che si tratta di un vero e proprio boom: +25,4% di richieste maschili e quasi il 50% in più di quelle femminili.

Alla ricerca della perfezione

Le motivazioni che spingono verso un ritocco sono sicuramente tante e diverse e vanno dal desiderio di vivere con minor ansia possibile il tempo che passa fino alla voglia di scattare selfie perfetti. È proprio questa la spinta che di recente ha fatto avvicinare un numero crescente di giovani, tra i 18 e i 35 anni, alla medicina estetica, un tempo ritenuta territorio degli over 40 e 50. “I giovanissimi chiedono di cancellare i segni dell’acne ma anche di correggere il naso con i rinofiller” conferma il dottor Sergio Noviello, chirurgo plastico a Milano. “Gettonatissima poi l’otoplastica, a oggi l’unico intervento di chirurgia estetica eseguito anche sui bambini, visto che da un lato i difetti delle orecchie possono essere fonte di disagio e che dall’altro il padiglione auricolare è formato già a 8-9 anni e non si rischiano, come in altri punti del corpo, successive modificazioni legate alla crescita”.

Gli interventi più richiesti

Tra le top 5 delle richieste da parte dei più giovani in tema di medicina estetica ci sono poi i trattamenti di laser per l’epilazione, che assicurano una pelle sempre vellutata, e i peeling, apprezzati in modo particolare dagli uomini che attraverso l’eliminazione delle cellule morte superficiali levigano e stimolando il rinnovamento profondo danno un aspetto luminoso e vitale al viso. Piacciono sempre i filler richiesti da oltre il 60% delle donne: grazie a nuove formulazioni e tecniche di iniezione avanzate, i riempitivi regalano al viso un effetto giovinezza soft, senza stravolgimenti eccessivi, quello del resto che oggi tutti chiedono.

 

 

Da sapere!

Crescono con regolarità anche le richieste per la biorivitalizzazione che grazie all’iniezione sottocute di cockail di sostanze rigeneranti e stimolanti, vitamine, aminoacidi, coenzimi e sali minerali, offre idratazione profonda e nutrimento regalando al viso un aspetto subito più vitale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti