Naso rifatto: dietrofront!

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 30/01/2019 Aggiornato il 30/01/2019

Sono in molti a ricorrere a una seconda rinoplastica per far tornare naturale il naso rifatto

Naso rifatto: dietrofront!

La rinoplastica continua ad essere uno degli interventi di chirurgia plastica più gettonati in tutto il mondo: secondo i dati dell’Asps -Società di Chirurgia Plastica negli Usa – relativi al 2017 è al primo posto nelle richieste al maschile, al quarto per le donne dopo la mastoplastica additiva, la liposuzione e la blefaroplastica. Ma a fronte di un continuo aumento di richieste di naso rifatto  qualcosa è cambiato: il nasino scavato con la punta piccola e all’insù, chiaramente artificiale, non piace più. Oggi si cerca un risultato naturali e ed è per questo che aumenta il numero di persone che chiedono una seconda rinoplastica per rimediare a un naso rifatto  che può aver lasciato narici troppo sottili e pinzate, con uno scavo troppo abbondante oppure con cartilagini tolte in eccesso.

Un intervento complesso

A segnalare l’aumento di richieste per una seconda rinoplastica, correttiva di un precedente naso rifatto, è il dottor Enrico Robotti, chirurgo plastico a Bergamo, past-presidente della Sicpre -Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica- e presidente eletto della Società europea di rinoplastica. Secondo l’esperto il secondo intervento di rinoplastica è sempre piuttosto complesso perché parte da una situazione compromessa e in più deve combinare al risultato estetico quello funzionale.

Identikit dei “pentiti”

A presentarsi dal chirurgo sono spesso persone che dopo un naso rifatto si trovano con un naso deviato o caduto oppure vogliono semplicemente vedersi diverse allo specchio e chiedono un risultato più naturale, spesso somigliante a quello di attrici o vip. I nasi più gettonati? Quello di Kate Middleton, diritto e solo con un accenno di curvatura, e quelli eleganti di Nicole Kidman e Natalie Portman. Per l’uomo invece i modelli sono Georgie Clooney e David Beckhman. In tutti i casi occorre tener presente che la rinoplastica è un intervento importante e delicato: quella secondaria poi lo è ancora di più, tanto che può richiedere anche 4-6 ore in sala operatoria. Dopo quindici giorni si può uscire ma per due-tre settimane si l’aspetto di una persona raffreddata, mentre per vedere i risultati occorre attendere un anno.

 

 

Da sapere!

La simulazione al pc permette di valutare con attenzione la forma del naso più adatta al proprio viso prima di intervenire.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti