Neurocosmesi: la nuova frontiera contro lo stress

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 28/03/2019 Aggiornato il 28/03/2019

Allentare lo stress con la neurocosmesi è un (nuovo) modo per conquistare bellezza. Ecco in che cosa consiste

Neurocosmesi: la nuova frontiera contro lo stress

Lo stress, si sa, fa male alla salute. Ma compromette anche la bellezza e fa invecchiare prima del tempo. Tra i tanti apparati che lo stress danneggia c’è infatti anche la pelle: è soprattutto il volto a segnarsi con rughe e solchi sempre più profondi dovuti proprio a una protratta condizione di ansia e di tensione.

Un approccio innovativo

Per questo il mondo dell’estetica ha deciso di prendersi cura della bellezza cercando approcci nuovi che puntano proprio ad allentare lo stress per rallentare l’invecchiamento cutaneo. È questo cui punta, per esempio, la neurocosmesi, disciplina che parte dalla connessione tra pelle, sistema nervoso, endocrino e immunitario per stimolare le endorfine, gli ormoni del benessere che a loro volta aiutano ad avere un aspetto più rilassato e fresco. Proprio per raggiungere questo obiettivo oggi vengono proposti cosmetici e trattamenti negli istituti e nelle Spa che stimolano i cinque sensi.

Dall’estetista

Qualche idea? Basta usare un olio da massaggio ricco di essenze naturali rilassanti, come la lavanda, oppure euforizzanti, come il rosmarino, da intiepidire e massaggiare con movimenti delicati su tutto il corpo, mentre in cabina viene diffusa una musica dolce; questa combinazione può aiutare più facilmente ad eliminare le tossine dovute allo stress con risvolti positivi sulla bellezza.

Anche a casa

I poteri della neurocosmesi si possono sfruttare anche a casa, scegliendo prodotti che ai principi attivi più efficaci (antiossidanti, peptidi, cellule staminali e sostanze idratanti) associano profumazioni avvolgenti, in grado di influenzare il sistema sensariale aumentando le endorfine e contrastando così l’azione dannosa del cortisolo, l’ormone dello stress.

Tanti benefici

L’azione distensiva dei cosmetici ha molteplici risvolti sulla bellezza; innanzitutto aiuta a distendere i tratti e a rendere la pelle più luminosa in modo da togliere anni al viso. Anche inestetismi come la cellulite, sia pur in maniera indiretta, possono peggiorare per una condizione di stress e – per contro – migliorare quando si entra in una dimensione di relax. Per potenziare gli effetti dei trattamenti multisensoriali è fondamentale usarli al meglio; in un momento di tranquillità, innanzitutto, in modo che il rilassamento sia completo, meglio se accompagnando sempre l’applicazione con un delicato massaggio: è provato infatti che la stimolazione superficiale della pelle è un altro dei fattori che contribuisce a produrre endorfne e quindi ad allentare lo stress.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Anche in casa è importante predisporre l’ambiente perché sia il  più rilassante possibile: una candela profumata, una luce soffusa e una musica dolce di sottofondo possono fare la differenza.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti