No ai tacchi alti: fanno male ai muscoli

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 22/07/2015 Aggiornato il 22/07/2015

Meglio scendere dai tacchi alti se non si vogliono creare danni ai muscoli

No ai tacchi alti: fanno male ai muscoli

Non è proprio il caso di stare troppo sui tacchi alti. La conferma che fanno danni arriva da una ricerca coreana, in base alle quale gli stiletti creano problemi, anche seri, non solo alla schiena ma anche ai muscoli. Nel corso dello studio svolto dalla Hanseo University in Corea del Sud, pubblicato sull’International Journal of Clinical Practice i ricercatori hanno esaminato l’effetto delle scarpe con i tacchi alti, da 10 centimetri e oltre, su un gruppo di 40 donne che le indossano regolarmente, almeno tre volte a settimana.

Problemi anche dopo un anno

In particolare gli studiosi si sono concentrati sulla forza delle caviglie delle donne e hanno scoperto che due dei quattro muscoli principali diventano dominanti già dopo un anno di tacchi vertiginosi. È l’ennesima conferma che i tacchi alti possono fare male ai muscoli: se all’inizio, infatti, sembrano rinforzare la caviglia, con l’uso prolungato si arriva alla fine a uno squilibrio muscolare, un fattore cruciale che può predisporre a infortuni della caviglia. Ma i danni che i tacchi alti provocano non si limitano ai muscoli. Le altezze vertiginose, infatti, possono causare problemi banali ma fastidiosi come calli, duroni e vesciche ma anche più seri a carico della schiena, delle articolazioni, dei piedi che possono aprire la strada in futuro a dolori anche di una certa entità.

Più rischi di cellulite

Senza dimenticare che gli stiletti impediscono un corretto appoggio del piede: la pompa plantare che si trova sotto la pianta viene ostacolata nel suo importante compito di aiutare la risalita del sangue dai piedi fino al cuore e questo può determinare ristagni, gonfiori e peggiorare inestetismi come la cellulite. Meglio, quindi, scendere dai tacchi, ma non troppo.

Neanche rasoterra

Al pari delle scarpe alte, infatti, anche quelle rasoterra come le infradito e le ballerine non sono ideali per la postura. Indossate troppo a lungo causano problemi ai piedi e alla schiena, fanno lavorare solo alcuni muscoli e non altri e impediscono il corretto fluire della circolazione sanguigna e linfatica.

La scelta ideale

Una scarpa comoda che non costringa il piede in posizioni innaturali e che lo lasci libero di muoversi mentre si cammina, con un tacco tra i tre e i cinque centimetri, altezza ideale per un corretto appoggio del piede e per permettere alla circolazione di funzionare fluida. Ciò non toglie che si debba per forza rinunciare agli stiletti: basta indossarli con criterio, non tutti i giorni ma solo nelle occasioni speciali cercando di limitare il numero di ore all’indispensabile.

 

 

 
 
 

lo sapevi che? 

 I piedi sono stanchi dopo aver messo i tacchi? Farli rotolare per qualche minuto su una pallina da tennis è un ottimo esercizio di stretching che li rilassa.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti