Pancia piatta, serve più movimento

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 15/05/2019 Aggiornato il 15/05/2019

Avere la pancia piatta è il sogno (realizzabile) di molte donne. Per raggiungere l’obbiettivo, però, la dieta non basta, ci vuole anche l’attività fisica

Pancia piatta, serve più movimento

Corse al parco e allenamenti in palestra. E ancora nuotate in piscina e pedalate nel verde oppure sulla cyclette. Quello che conta è muoversi. Perché secondo i ricercatori dell’University of Texas Southwestern Medical Center non c’è dieta che tenga: in uno studio pubblicato sulla rivista Mayo Clinic Proceedings hanno dimostrato che praticare attività fisica è il modo più efficace per avere la pancia piatta e sconfiggere il grasso nascosto, noto come grasso viscerale, quello per intenderci che si accumula sulla pancia, anche più dei trattamenti farmacologici, comunemente utilizzati per perdere peso, e persino della chirurgia bariatrica.

C’è grasso e grasso

Bisogna partire dal presupposto che esistono diverse tipologie di tessuto adiposo nella pancia: quello viscerale e il sottocutaneo. Il grasso viscerale, preso in esame in questa ricerca, è la parte di tessuto adiposo concentrata all’interno della cavità addominale e distribuita tra gli organi interni e si differenzia da quello sottocutaneo che è, invece, concentrato nello strato appena sotto la pelle. Secondo ricerche precedenti, il grasso viscerale sarebbe il più dannoso: uno studio dell’Università del Michigan, pubblicato nel 2017, ha infatti dimostrato che è il principale responsabile della produzione del fattore di crescita dei fibroblasti 2, una proteina in grado di trasformare le cellule normali in cellule tumorali.

Sport e farmaci

Sebbene possa sembrare abbastanza scontato il fatto che l’attività fisica aiuti a perdere peso, poche ricerche hanno finora focalizzato l’attenzione su quale fosse la strategia migliore per avere la pancia piatta. Per capirlo i ricercatori hanno passato in rassegna circa 2.500 studi, mettendo a confronto due tipologie di interventi diversi per perdere peso: uno incentrato sulla modifica dello stile di vita, inserendo più attività fisica, e l’altro invece basato su trattamenti farmacologici, comunemente usati per la perdita di peso approvati dall’ente statunitense Food and Drug Administration (Fda). Dai risultati dello studio è emerso che sia l’esercizio fisico sia il trattamento farmacologico determinano una diminuzione del grasso viscerale. Ma le riduzioni osservate erano più significative per ogni chilo di peso corporeo complessivo perso con l’attività fisica.

Più movimento, meno centimetri

Per esempio, come sostengono i ricercatori nello studio, per ottenere una riduzione di 3 centimetri quadrati di grasso viscerale sarebbe necessaria una perdita di peso di circa 18 kg con un trattamento farmacologico rispetto ai 14 kg circa persi con l’esercizio fisico. Quando gli studi, infatti, usano il peso o l’indice di massa corporea (Imc) come parametri, non è possibile stabilire se gli interventi riducono il grasso in ogni parte del corpo o semplicemente vicino alla superficie.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’indice di massa corporea o body mass index (Bmi) si calcola dividendo il peso in Kg con il quadrato dell’altezza espressa in metri.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Distacco amniocoriale: il riposo lo risolve?
20/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non compaiono perdite di sangue, né dolori è verosimile che il distacco amniocoriale non abbia dato luogo a complicazioni.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti