Pelle più vecchia – e indifesa – se manca il grasso

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 03/06/2019 Aggiornato il 03/06/2019

La perdita di grasso porta la pelle a invecchiare precocemente. Un problema non solo estetico

Pelle più vecchia – e indifesa – se manca il grasso

Con il passare degli anni la pelle tende a perdere la capacità sia di produrre grasso sia di proteggersi dalle infezioni. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Immunity dai ricercatori dell’Università della California di San Diego. Sarebbe la scomparsa della capacità dei fibroblasti di trasformarsi in grasso a influire sul modo in cui la pelle combatte le infezioni e tutto questo fa diventare la pelle più vecchia.

Il ruolo dei fibroblasti

 Gli scienziati spiegano che i fibroblasti dermici sono cellule specializzate della pelle che generano tessuto connettivo e favoriscono la rimarginazione delle ferite. Alcuni fibroblasti hanno la capacità di convertirsi in cellule adipose, posizionate sotto il derma che conferiscono alla pelle un aspetto turgido e giovane. Inoltre producono un peptide che svolge un ruolo fondamentale nel combattere le infezioni. Ma durante l’invecchiamento, i fibroblasti smettono di trasformarsi in cellule adipose e diventano incapaci di combattere le infezioni. I bambini hanno una gran quantità di questo tipo di grasso sotto la pelle e questo aiuta la cute a contrastare alcuni tipi di infezioni. Invecchiando invece i fibroblasti dermici perdono quest’abilità e la capacità di formare il grasso sotto cute: la pelle più vecchia è pertanto in gran parte dovuto alla perdita di grasso.

Ingrassare non serve

Cosa fare allora per avere un volto sempre giovane? Gli autori spiegano che cercare d’ingrassare per convertire i fibroblasti dermici in cellule adipose non serve: l’obesità, oltre a mettere a rischio la salute, interferisce anche con la capacità di combattere le infezioni. Nel corso dell’indagine gli studiosi hanno però scoperto la causa della perdita delle capacità dei fibroblasti. Hanno, infatti, rilevato che una proteina che controlla molte funzioni cellulari, chiamata fattore di crescita trasformante beta (Tgf-β), impedisce ai fibroblasti dermici di trasformarsi in cellule adipose e di produrre un peptide antimicrobico chiamato catelicidina che aiuta a proteggere dalle infezioni batteriche.

 

 

 

Da sapere!

La scoperta potrebbe avere numerose implicazioni. La prima, la più importante, è il fatto che comprendere il meccanismo biologico per cui con l’invecchiamento i fibroblasti perdono le loro capacità potrebbe servire ad aiutare la pelle a combattere infezioni pericolose come quelle provocate dallo Stafilococco aureo, il batterio patogeno considerato la principale causa di infezioni della cute e del cuore, oltre che un fattore importante nel peggioramento di malattie come l’eczema.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti