Per dichiarare guerra alla cellulite servono i rimedi giusti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/09/2013 Aggiornato il 27/09/2013

Non servono grandi sforzi. Per tenere sotto controllo la cellulite bastano i rimedi corretti

Per dichiarare guerra alla cellulite servono i rimedi giusti

La maggior parte delle mamme, anche le più giovani, si trova a fare i conti con cuscinetti e pelle a buccia di arancia. Inestetismo tra i più frequenti, la cellulite si tiene sotto controllo facilmente con le mosse giuste. Gesti semplici che vanno ripetuti con regolarità per evitare che il problema peggiori nel tempo.

Evita le posizioni sbagliate

Dietro alla cellulite ci sono sempre problemi di circolazione. Stare a lungo sedute, soprattutto se si tengono le gambe accavallate, può rappresentare un ostacolo al corretto fluire del sangue e della linfa. Ecco le mosse giuste: alzarsi almeno ogni ora, camminare per un minuto, poi scendere e salire sulla punta dei piedi per una decina di volte.

Fai sport

Il movimento attiva il metabolismo e stimola la circolazione. Vanno evitate, però, le attività che comportino sforzi intensi e movimenti bruschi provocando un accumulo di acido lattico. Meglio gli sport aerobici a bassa intensità che aiutano a portare ossigeno ai tessuti: la marcia sul tapis roulant piuttosto che la corsa, la cyclette piuttosto che lo spinning ad alta intensità. Vanno bene anche i corsi in palestra a ritmo di musica che mettono in moto il corpo con dolcezza e tutte le attività in piscina che sfruttano il benefico massaggio dell’acqua.  Da tener presente: ogni seduta di movimento deve durare dai trenta ai quaranta minuti e deve essere eseguita almeno due volte la settimana.

Nuota a rana

Il nuoto è una delle attività più efficaci contro cuscinetti e pelle a buccia d’arancia. Lo stile a rana in modo particolare è utile perché agisce sulla muscolatura delle gambe, migliorando la compattezza e la tonicità dei tessuti. Comincia con poche vasche se sei fuori allenamento e aumenta progressivamente il numero: mezz’ora in piscina è ideale per avere risultati senza affaticarsi.

Scegli esercizi mirati

Contro la cellulite non serve sudare in palestra con piegamenti e squat. Meglio preferire esercizi più semplici ma capaci di dare una spinta alla circolazione come la pedalata in aria. Le mosse giuste: esegui il movimento già al mattino quando sei ancora a letto, pedalando in aria per almeno due minuti. Poi fallo ogni volta che puoidurante il giorno, anche solo per un minuto. 

In breve

CAMMINA, CAMMINA….

Infilati un paio di scarpe comode e porta il bebè nella carrozzina o nel passeggino al parco oppure in vie poco trafficate. Camminare è il sistema più semplice per attivare la circolazione di ritorno che dai piedi risale al cuore. La regola da rispettare: cammina per almeno venti minuti di seguito, senza soste tenendo un passo piuttosto sostenuto. Se non riesci comincia con dieci minuti, riposa per un attimo e riprendi a camminare. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti