Profumi: rischio allergia anche in quelli dei cosmetici

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 17/12/2020 Aggiornato il 17/12/2020

Attenzione ai profumi e a quelli che si trovano nei cosmetici: li rendono più gradevoli ma possono essere responsabili di irritazioni e allergie

Profumi: rischio allergia anche in quelli dei cosmetici

Natale è sinonimo di regali. E tra i tanti che si possono fare non mancano i profumi e i cosmetici profumati. Ce ne sono per tutti i gusti, per lei, per lui e persino per i più piccoli, pronti a soddisfare le più diverse esigenze, dalla detersione con bagnoschiuma e shampoo, alla cura del corpo con creme, oli e burri fino alle fragranze vere e proprie. Attenzione però che nei profumi, utilizzati per rendere più gradevoli molti trattamenti cosmetici, si possono nascondere allergeni pronti a scatenare piccole o grandi reazioni della pelle. «Ecco perché quando si acquista e si utilizza un cosmetico è molto importante controllare sempre l’INCI del prodotto, cioè l’elenco degli ingredienti, per evitare di incappare in quelle sostanze considerate particolarmente allergizzanti, come le fragranze inserite nei prodotti: l’Europa ne ha individuate negli anni ben 26 e ha creato delle normative ad hoc per evitarle» spiega il professor Leonardo Celleno, dermatologo e presidente Aideco, Associazione italiana di dermatologia e cosmetologia.

Sono sostanze più reattive

«Le sostanze ad uso cosmetico che vengono usate per la composizione di aromi e profumi, da inserire poi nei vari prodotti, sono tra quelle che, più di altre, possono scatenare fenomeni di irritazione e allergia perché più reattive di altre categorie di ingredienti. – spiega il professor Celleno – Si tratta di sostanze, come tutti gli ingredienti utilizzati nei cosmetici, considerate sicure perché precedentemente sottoposte a rigorosi controlli ma quello che le caratterizza però è una maggiore incidenza nel provocare possibili reazioni allergiche in alcune persone predisposte che sviluppano fenomeni irritativi e allergici nei confronti di sostanze generalmente innocue».

Responsabili di più della metà delle reazioni allergiche

I dati a disposizione relativi alle allergie da cosmetico variano molto da paese a paese, a seconda del sesso e anche dell’età ma dimostrano che circa la metà delle reazioni sia dovuta proprio ai corpi odorosi presenti nelle formule. «Questo si verifica soprattutto per i veri e propri profumi o per prodotti che contengono alte concentrazioni di sostanze come quelle elencate tra i 26 allergeni identificati dalla Comunità Europea e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in Italia.

Dovrebbero essere riportate in etichetta

Il professor Celleno spiega ancora “Sarebbe però opportuno da parte delle aziende riportare comunque la presenza di eventuali allergeni in etichetta anche quando la loro concentrazione sia inferiore al valore soglia stabilito, soprattutto se i prodotti sono destinati a soggetti con pelle sensibile e con tendenza all’allergia».

Riportare l’allergene in etichetta è un elemento chiave per tutti coloro che soffrono di un’allergia nei confronti di una o più delle sostanze ad uso cosmetico: leggendo l’INCI è possibile infatti evitare l’insorgenza della dermatite allergica da contatto.

 
 

Da sapere

COME REGOLARSI CON I BAMBINI

«L’uso di profumi nelle formulazioni destinate ai più piccoli non è strettamente necessario anche se rende il prodotto più gradevole» continua Celleno. «Meglio in ogni caso evitarlo visto che è comunque facile reperire nel mercato alcuni prodotti dermo-cosmetologici per bambini completamente privi di profumi, particolarmente indicati nei casi di allergie cutanee e quadri clinici come quello della dermatite atopica, molto frequente nella prima infanzia» conclude il presidente Aideco.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti