Quali sono i migliori trattamenti per il viso? Ecco i filler adatti per le neomamme

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 10/03/2022 Aggiornato il 10/03/2022

Grazie all’acido ialuronico, sostanza naturale, il filler è sicuro ma per sperimentare la sua efficacia meglio aspettare dopo gravidanza e allattamento. Ecco quali sono i migliori trattamenti per il viso

Quali sono i migliori trattamenti per il viso? Ecco i filler adatti per le neomamme

Quali sono i migliori trattamenti per il viso? Sicuramente un posto d’eccezione è occupato dai filler,  il trattamento estetico più amato con richieste in crescita anche durante la pandemia. Si calcola, infatti, che nel 2021 il numero di sedute di filler eseguite sia cresciuto fino al 20%. Tanti, del resto, i suoi pregi visto che permette di dare armonia, volume e freschezza al viso in modo sempre più preciso e con grande naturalezza. Ma attenzione: occorre attendere di terminare l’allattamento prima di prenotare la seduta. Ecco cosa possono fare le neomamme.

Cosa significa filler?

La parola viene dal verbo inglese riempire. In campo estetico con questo termine si indica un trattamento che infiltra nel tessuto cutaneo acido ialuronico per riempire e distendere le rughe. Ma se questo rimane il primo risultato di un filler, molti altri se ne sono aggiunti nel corso del tempo. Come il liquid lifting, trend estetico che conosce un successo in crescita e che consiste nel modellare i tratti dell’intero viso usando solo i filler, senza bisturi. Sempre più richiesto anche il rinofiller che consente, grazie alle infiltrazioni di acido ialuronico, di levigare il profilo del naso e ottenere un certo sollevamento della punta. Per chi ha un naso molto piccolo, il filler può accentuarne la forma complessiva e dare una definizione maggiore. Insomma, il filler si conferma uno dei migliori trattamenti per il viso.

Si può fare il filler in gravidanza?

L’acido ialuronico è una sostanza naturalmente presente nel corpo e quindi ben tollerata. La gravidanza rappresenta però una condizione molto particolare e inedita per l’organismo. Anche se non esistono studi in merito, quindi, qualunque professionista serio sconsiglia il ricorso a filler durante l’attesa e anche durante l’allattamento.

Quando dura l’effetto del filler?

L’acido ialuronico viene progressivamente riassorbito dal corpo ed è per questo che il filler è “a tempo”. Se si utilizzano prodotti di qualità si arriva tranquillamente ai sei mesi di durata e se si adottano sane abitudini di vita si possono mantenere i risultati anche fino a un anno. Importante è proteggersi dal sole, evitare il fumo e l’alcool, non fare attività fisica troppo energica e tenere sotto controllo lo stress, tutti fattori ossidativi che accorciano la vita del filler.

Quanto costa il filler?

La forbice dei costi è molto ampia: il prezzo varia, infatti, in base alla quantità di acido ialuronico che viene impiegato per la correzione. Si parte in genere da 150 euro a seduta per arrivare a 600 euro.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali sono i trattamenti estetici più richiesti?

Sicuramente il filler con acido ialuronico perché è un trattamento veloce e indolore, consente di ritornare subito alle consuete attività e permette una vasta gamma di correzioni.

Chi non può fare il filler?

Le sedute di filler sono da evitare in gravidanza e in allattamento ma anche in presenza di problematiche attive di pelle come eczemi, herpes nonché di malattie autoimmuni.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Beta-hCG ancora nel sangue dopo un’interruzione di gravidanza: perché?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Dopo un aborto, è normale che l'ormone beta-hCG rimanga nel sangue per alcune settimane, ma se il periodo si protrae oltre i 42 giorni circa è possibile che si sia instaurata un'altra gravidanza.   »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti