Rinofiller, la soluzione soft per avere un naso tutto nuovo

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 16/07/2020 Aggiornato il 16/07/2020

Il rinofiller è una tecnica non invasiva che permette di correggere gli inestetismi del naso senza dover ricorrere chirurgia

Rinofiller, la soluzione soft per avere un naso tutto nuovo

Naso nuovo senza ricorrere al bisturi? Oggi è possibile grazie al rinofiller, una tecnica che permette ritocchi naturali e immediati con una semplice infiltrazione. A spiegarla è Giulia Lo Russo, chirurgo estetico di Firenze. Con le microniezioni di sostanze riassorbili è possibile intervenire su diversi inestetismi che possono togliere armonia al naso. In modo semplice e veloce, senza dolore e con un impegno economico più contenuto rispetto alla chirurgia.

Sempre più richiesto

Il rinofiller rappresenta, infatti, una delle tante applicazioni dei filler riassorbili, sempre più amati e richiesti da donne e uomini, perché permettono di correggere varie imperfezioni senza ricorrere alla chirurgia, senza dolore e senza complicanze post-operatorie. Il successo dei filler, e quindi anche del rinofiller, sta poi nella capacità di regalare un aspetto più fresco e armonioso senza stravolgere le linee del volto, con risultati del tutto naturali che migliorano ma non cambiano la fisionomia di una persona.

In che cosa consiste

Il rinofiller consiste in microiniezioni di materiali biocompatibili e riassorbili a effetto volumizzante fatte in punti strategici si può minimizzare la gobbetta, i vuoti che rendono troppo scavato un naso, cosa che può anche succedere dopo la chirurgia, oppure risollevare una punta che tende verso il basso, dando un aspetto invecchiato a tutto il volto. Il risultato è naturale e subito visibile: per di più non restano segni visto che le iniezioni vengono fatte con microaghi che al massimo lasciano un lieve gonfiore che si riassrbe in un giorno o due.
Il trattamento, che viene fatto in ambulatorio, non richiede più di dieci minuti e non comporta dolore visto che i filler di nuova concezione sono già arricchiti al loro interno con un anestetico locale. Non è necessaria la convalescenza e subito si può tornare alle consuete attività.

Solo da professionisti seri

Il risultato dura fino ad un anno ma le infiltrazioni possono essere ripetute quando lo si desidera. Importante come sempre quando si parla di medicina estetica è rivolgersi a un professionista serio: solo un occhio esperto, infatti, che conosce perfettamente l’anatomia sa dove fare le infiltrazioni con delicatezza e sensibilità per ottenere un aspetto più bello ma non artificiale.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il rinofiller proprio perché utilizza sostanze volumizzanti non serve nel caso di un naso troppo grande da ridurre, neppure se si tratta di intervenire su un setto deviato oppure in presenza di problematiche funzionali risolvibili solo con la chirurgia.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti