Ritocchi al viso: meglio il filler o l’impianto?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 14/01/2020 Aggiornato il 14/01/2020

Cresce il numero dei ritocchi al viso, ma tra filler e impianto cosa è meglio scegliere? La risposta al chirurgo

Ritocchi al viso: meglio il filler o l’impianto?

Perché si desiderano i ritocchi al viso? Avere un volto fresco e vitale nonostante il passare degli anni è il desiderio non solo di molte donne ma anche di un numero crescente di uomini che sentono sempre più il bisogno di presentarsi al meglio anche in là con l’età e di non rinunciare alla loro bellezza. Creme e altri trattamenti cosmetici possono essere d’aiuto in questa direzione ma quando si desidera un intervento più deciso viene naturale rivolgersi al medico e al chirurgo estetico.

Scelta difficile

Non è un caso infatti che negli ultimi tempi il numero di persone, donne e uomini indistintamente, che hanno deciso per un ritocco sia in costante crescita. Ma la domanda che viene spontanea è quella se sia più opportuno scegliere un ritocco soft come un filler oppure uno più tenace anche se leggermente più invasivo come un impianto. Conoscere pregi e difetti di entrambe le soluzioni è importante per una scelta sensata.

I filler hanno azione temporanea

“Occorre innanzitutto considerare il fatto che tra filler e impianti c’è una grande differenza: se i primi danno bellezza e armonia al viso, i secondi hanno come fine quello di ringiovanire” spiega Daniele Spirito, chirurgo plastico romano e docente presso la Cattedra di Chirurgia Plastica dell’Università di Milano che ha trattato l’argomento al IX Corso Apira Medical di chirurgia Plastica e Medicina estetica tenutosi di recente a Napoli. “I filler intervengono sui tessuti molli con un’azione temporanea che dopo circa sei mesi svanisce: spesso le persone li preferiscono perché rappresentano un intervento poco invasivo e anche poco impegnativo da un punto di vista economico” continua l’esperto.

Gli impianti ringiovaniscono

Diverso invece il discorso per gli impianti. “ In questo caso siamo di fronte a veri e propri interventi chirurgici, anche se eseguiti con anestesia locale in regime di day hospital, che assicurano un risultato più visibile e soprattutto duraturo: le protesi in silicone permettono infatti di ricostruire volume laddove il passare del tempo ha portato a un inevitabile assorbimento dell’osso e quindi a uno svuotamento e a un cedimento del tessuto” spiega il professor Spirito. L’impianto di protesi che può essere fatto sia a livello temporale, mandibolare, zigomatico e sotto-orbitale, rappresenta così la soluzione più efficace, anche se più impegnativa a livello di intervento, per ripristinare il volume degli zigomi, correggere le borse sotto gli occhi e avere una mascella più pronunciata, con un effetto finale di ringiovanimento del viso.

 

 

 
 
 

ATTENZIONE

 

SCEGLIERE BENE IL MEDICO

Dal momento che non è facile fare scelte oculate da sole, è importante sempre quando si decide per un ritocco affidarsi al consiglio di un medico o di un chirurgo estetico che offra le migliori garanzie di esperienza e professionalità nel rispetto della salute.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti