Ritocchi con botulino: i nuovi protocolli sono personalizzati

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 18/05/2021 Aggiornato il 18/05/2021

Personalizzare il trattamento permette al botulino di regalare un ritocco naturale e armonioso

Ritocchi con botulino: i nuovi protocolli sono personalizzati

Sono ormai due decenni che il ritocco con il botulino si colloca ai primi posti della classifica dei trattamenti più gettonati per ritrovare un viso più fresco e vitale. I numeri del resto parlano chiaro: solo negli Usa nel 2019 le procedure sono state oltre 6,2 milioni secondo le statistiche dell’International Society of Aesthetic Plastic Surgery  (ISAPS) e la pandemia non pare aver intaccato il primato di quella che viene ritenuta una valida soluzione anti-età.

Un nuovo approccio

«Possiamo dire che il trattamento con la tossina botulina in vent’anni sia rimasto sostanzialmente uguale a se stesso, ma a essere cambiato è l’approccio con cui lo si utilizza» osserva Patrizia Gilardino, medico estetico di Milano. «La naturalezza del risultato rimane una delle tendenze più forti in medicina estetica e questo interessa anche il ritocco con il botulino che, usato in un modo corretto, preserva la fisionomia del volto assicurando un ottimo risultato» continua l’esperta. «Il botulino attenua, infatti, le rughe senza cancellare l’espressività del volto, come spesso invece si teme al punto da evitarlo». Il ritocco con il botulino riesce a ridare luce anche allo sguardo. «Lavora sui muscoli e così permette di alzare il sopracciglio; quello che conta però è che tutto venga fatto tenendo presente l’armonia complessiva del volto: esagerare non serve e fa solo danni» commenta l’esperta.

Ritocchi personalizzati

Cosa ha di diverso quindi questo modo nuovo di usare il botulino? «Innanzitutto una forte personalizzazione del trattamento» spiega Gilardino. «Ogni persona ha muscoli che sono diversi nella loro forza contrattile e questo fa capire che occorre utilizzare la dose giusta per restituire freschezza al viso senza alterare i caratteri espressivi tipici di ogni volto». Fondamentale poi la naturalezza del risultato. «Il botulino rilassa i muscoli, non li ingessa ma va usato bene; molte rughe del volto sono determinate da un’iperattività muscolare: il botulino, rilassando il muscolo, consente di restituire la corretta elasticità e permette di rendere meno evidenti le rughe in particolare quelle che si formano tra le sopracciglia, le cosiddette rughe del pensatore, le zampe di gallina e quelle orizzontali della fronte» continua Gilardino.

Si può iniziare anche da giovani

Un altro punto a favore del botulino è che gli effetti non sono permanenti. «Tendono ad attenuarsi fino a scomparire nell’arco di qualche mese» specifica Gilardino. «Ma non si deve dimenticare che l’utilizzo ripetuto su una particolare area, come per esempio la fronte, porta a un progressivo aumento del rilassamento del muscolo, così da avere effetti anche più lunghi». Ecco perché il botulino si può usare anche come prevenzione delle rughe del viso già a partire dai 35-40 anni per evitare di arrivare a 50 o 60 anni con situazioni molto compromesse.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il solo fatto che il botulino continui a essere utilizzato in medicina estetica da decenni con milioni di trattamenti eseguiti ogni anno nel mondo, testimonia con chiarezza la sua sicurezza.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti