Ritocchi dopo il parto, perché è meglio farli in inverno?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 17/01/2023 Aggiornato il 17/01/2023

Il freddo aiuta medicazioni e cicatrici dei ritocchi. Ecco perché questo è il momento giusto per rimettersi in forma dopo un bebè con l’aiuto del bisturi

Per fare ritocchi estetici dopo il parto è bene scegliere il periodo più adatto

Per ritrovare il fisico che si aveva prima del parto  può essere necessario anche un anno di pazienza. Ma alcuni aiuti possono velocizzare il processo. Ricorrere al chirurgo estetico per alcuni ritocchi è sicuramente uno di questi e procedere ora nella stagione invernale quando fa ancora freddo è la scelta ideale. Vediamo perché.

Quando fare i ritocchi dopo il parto?

Alzare un seno che ha perso tono, eliminare i rotolini rimasti sull’addome, limare fianchi e glutei. Per recuperare la perfetta forma fisica dopo un bebè può essere di supporto il bisturi ma il consiglio è quello di attendere sempre la fine dell’allattamento prima di procedere. Se non si allatta invece il periodo di attesa prima dei ritocchi può essere anche solo di tre-sei mesi, tempo necessario perché i tessuti si siano sgonfiati e il livello di ormoni si sia ridotto.

In che stagione è meglio fare i ritocchi?

Se avete in previsione di intervenire su seno, addome, fianchi o glutei dopo la nascita del piccolo, è bene che scegliate l’inverno per farlo. Le cicatrici, infatti, non vengono esposte al sole, si passa più tempo in casa e il fisico ha il tempo di riprendersi in vista dell’estate, quando gli inestetismi diventano più visibili. «Premesso che non esistono limitazioni stagionali per sottoporsi a un’operazione, la stagione fredda è sicuramente la migliore per un decorso post-operatorio ottimale che può richiedere, in taluni casi, fino a qualche mese» spiega il dottor Daniele Spirito, chirurgo plastico di Roma, docente presso la Cattedra di Chirurgia Plastica dell’Università di Milano.

 

Quali sono i ritocchi estetici che andrebbero fatti preferibilmente in inverno?

 

«In linea di massima quelli che prevedono cicatrici estese e più difficili da schermare e gli interventi al viso, una parte sempre esposta agli agenti atmosferici» spiega l’esperto. «Le cicatrici, infatti, sono una conseguenza inevitabile della chirurgia: durante l’inverno hanno tempo di sgonfiarsi e sbiadire al riparo dai raggi solari, restando al tempo stesso nascoste dai vestiti. Inoltre il freddo rende più facile occuparsi di medicazioni e bendaggi compressivi. Infine, con il trascorrere delle settimane i risultati saranno ben consolidati per l’estate, quando viso e corpo saranno più esposti».

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali ritocchi per rassodare il seno dopo il parto?

Serve tempo, la giusta alimentazione, l’applicazione di creme elasticizzanti e l’attività fisica costante. Ma per abbreviare i tempi e avere ottimi risultati si può decidere per la mastopessi, un intervento che si può definire come un lifting al seno in grado di risollevarlo migliorando in toto l’aspetto del décolleté.

Perché fare una mastopessi in inverno?

«Si tratta di un intervento che presenta cicatrici più importanti della mastoplastica additiva e per il post operatorio sarà necessario indossare guaine e reggiseni contenitivi. Per questo si ritiene che la convalescenza durante il periodo freddo sia più rapida e piacevole: inoltre affrontando l’operazione adesso si avrà una guarigione completa prima dell’estate, in previsione di abiti scollati e costume» conclude il chirurgo estetico.

 

Fonti / Bibliografia

  • Diastasi addominale dopo il parto: la soluzione è la chirurgia - Humanitas Medical CareSovrappeso e obesità, età oltre i 35 anni, gravidanze precedenti o gemellari, muscoli addominali deboli sono alcuni dei fattori di rischio della diastasi addominale, patologia post partum che colpisce il 30% delle donne e neo mamme.  Ne parla il professor Jacques Lucien Megevand, responsabile di Chirurgia Generale di Humanitas San Pio X, che avvicina la […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti