Rughe sul collo? Attenzione a tablet e smartphone

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 15/04/2015 Aggiornato il 15/04/2015

Se compaiono le rughe sul collo la colpa può essere anche di tablet e smartphone, utilizzati sempre più ore al giorno

Rughe sul collo? Attenzione a tablet e smartphone

Uno sguardo allo specchio rivela un collo segnato dalle rughe? La colpa può essere anche della tecnologia. Secondo il recente studio di un gruppo di dermatologi di The London Clinic tra le cause delle rughe sul collo ci sono anche tablet e smartphone.

Più rischi tra i 20 e i 40 anni

ll costante sguardo allo schermo, spesso tenuto molto più in basso rispetto alla linea dello sguardo, “increspa” la pelle e a lungo andare provoca solchi più o meno profondi. Le donne più esposte al rischio di avere rughe sul collo sono quelle tra i 18 e i 39 anni che fanno un uso massiccio di tablet e smartphone, arrivando a controllare i dispositivi fino a 150 volte al giorno con una flessione della testa dannosa per la cute. Secondo gli esperti, infatti, questo costante piegamento innaturale provoca non solo un rilassamento della pelle nella zona del collo, ma anche un cedimento delle guance e il formarsi di una piega sopra la linea delle clavicole, una condizione che i dermatologi hanno ribattezzato “tech-nec”.

Un problema in crescita

Non è un caso, quindi, che il problema delle rughe sul collo legato a un eccessivo utilizzo di tablet e smartphone sia aumentato in modo esponenziale negli ultimi dieci anni. I dispositivi elettronici non sono comunque gli unici imputati. Non bisogna, infatti, trascurare il ruolo dei raggi solari che penetrano in profondità danneggiando le strutture elastiche: è facile che mettendo la crema solare sul viso ci si dimentichi del collo e questo può favorire un precoce invecchiamento di una parte che già per natura è dotata di una cute sottile, poco protetta e facile ai cedimenti.

I consigli da seguire

Innanzitutto, cercare di limitare il più possibile il tempo passato davanti a tablet e smartphone sforzandosi in ogni caso di tenerli a livello del viso per evitare di piegare il collo. Una regola da adottare è poi quella di proteggere sempre la pelle con una crema solare in estate puntando su fattori protettivi tanto più alti quanto più l’esposizione è prolungata e intensa. Attenzione, però, che i raggi Uva colpiscono la pelle anche nelle altre stagioni dell’anno: buona abitudine è quella di applicare sempre il mattino una crema idratante o anti-età in base alle necessità che contenga filtri Uv.

 

 

 

In breve

UNA PARTE MOLTO DELICATA

Il collo è una parte che, in genere, si tende a trascurare nella routine quotidiana di bellezza. Ha bisogno invece di una detersione delicata e dell’uso regolare di un idratante. Dopo i quarant’anni, poi, serve un trattamento mirato ad azione protettiva, nutriente e rigenerante per prevenire con efficacia la formazione delle rughe e dei cedimenti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti