Sbiancare i denti? Ecco le migliori soluzioni

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 14/05/2021 Aggiornato il 14/05/2021

Ci sono varie soluzioni per sbiancare i denti, da quelle casalinghe a quelle effettuate dal dentista. Ecco le più efficaci e sicure

Sbiancare i denti? Ecco le migliori soluzioni

Sbiancare i denti è un problema noto a tutti. Il fumo, innanzitutto, l’azione colorante di alcune bevande come tè e caffè associate al normale invecchiamento dello smalto dentale portano il sorriso a perdere luminosità con un effetto che non solo toglie bellezza ma invecchia tutto il viso.

I rischi dei sistemi fai-da-te

La questione è decisamente comune tanto che almeno un italiano su due dichiara di avere usato dentifrici, collutori e altri preparati fai da te per sbiancare i denti. Il giro d’affari è notevole e si aggira attorno al miliardo di euro. Pochi sono consapevoli però che le soluzioni casalinghe per lo sbiancamento non sono del tutto innocue ma al contrario rischiano di danneggiare non solo i denti ma anche le gengive. Vanno usate quindi solo dopo che un dentista ha verificato lo stato della dentatura.

Attenzione alla paradontite

Occorre tenere ben presente ad esempio che lo sbiancamento non può essere fatto in presenza di alcune malattie delle gengive, come la paradontite o un’infiammazione cronica delle gengive. «La paradontite infatti» come spiega Silvia Masiero, esperta della Sidp, la Società italiana di paradontologia e implantologia «deve essere risolta prima dello sbiancamento perché qualora sia presente una tasca paradontale i prodotti utilizzati possono rovinare l’apparato di attacco del dente e il legamento». Occorre poi sapere che, una volta curata, la gengiva si ritrae lasciando scoperta una parte di dente non rivestita da smalto che non si può sbiancare: il rischio quindi è che ci si ritrovi con un poco desiderato effetto bicolore.

I rimedi casalinghi

Una volta determinata la salute dei denti, si hanno a disposizione tre soluzioni per ridare splendore al sorriso. Si possono scegliere i rimedi casalinghi, per così dire quelli della nonna, che vanno dallo strofinare le foglie di salvia al passare il limone: tolgono momentaneamente la patina che offusca i denti ma con scarso e poco duraturo risultato. In alternativa si possono usare i nuovi composti fai da te a base di perossido di idrogeno o di carbammide che in ogni caso non assicurano un risultato paragonabile a trattamenti gestiti da personale specializzato.

Dal dentista

La seconda opzione di sbiancamento si effettua dal dentista ma a volte può prevedere l’impiego di concentrazioni troppo alte di sostanze che risultano aggressive sul dente tanto da danneggiarne lo smalto che rischia poi di macchiarsi ancora di più.

A casa su indicazione del medico

La terza opzione, quella ottimale, prevede trattamenti che vengono personalizzati dal dentista, ma gestiti poi a domicilio dal paziente sotto la supervisione del professionista e che consistono in un gel da utilizzare all’interno di una mascherina indossata di notte. Quest’ultimo metodo agisce sulle molecole responsabili del colore scuro e ossigena il dente, preservando lo smalto e le gengive. Bisogna comunque fare attenzione anche in questo caso: nei giorni successivi al trattamento è bene eliminare dalla propria dieta alimenti pigmentanti come mirtilli, cioccolato, barbabietola, vino, caffè e tè.

Dentifrici sbiancanti solo ogni tanto

Esistono, infine, alcuni dentifrici abrasivi ma ne va evitato comunque l’uso costante perché rendono lo smalto dei denti poroso e più facilmente macchiabile e aggredibile da carie.

 
 

Da sapere

IGIENE DENTALE

Prima di intervenire con lo sbiancamento è importante anche eliminare le macchie superficiali procedendo a un’accurata igiene dentale in uno studio professionale.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti