Selfie perfetto: prima passa dal chirurgo

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 31/05/2018 Aggiornato il 02/08/2018

Non conosce crisi la chirurgia estetica: sempre di più ricorrono al ritocchino per avere un selfie perfetto

Selfie perfetto: prima passa dal chirurgo

Foto e selfie sui social. La mania dilaga sempre più e colpisce donne e uomini di ogni età. Ma per venire bene non bastano trucco e parrucco. Sempre più spesso infatti per un selfie perfetto a prova di like ci si rivolge al chirurgo estetico. E se in altri Paesi come la Gran Bretagna le donne puntano per lo più al corpo con la richiesta di un décolleté esplosivo e di un lato B alto e sodo e gli uomini si indirizzano verso sopracciglia sollevate e palpebre tirate, in Italia l’attenzione di entrambi i sessi è puntata sul viso.

Viso in primo piano

Proprio perché influenzati dal desiderio di apparire in un selfie perfetto, donne e uomini (compresi i giovanissimi) si affidano al medico estetico per una bocca più pronunciata, zigomi in evidenza, naso perfetto. Del resto l’esigenza di esporsi continuamente porta a volersi mostrare sempre al meglio: questo è testimoniato dal fatto che, secondo i dati a disposizione, sono aumentati gli interventi che modificano rispetto a quelli che correggono inestetismi o segni del tempo.

Gli interventi più richiesti

I numeri parlano chiaro: il 42% dei chirurghi estetici statunitensi dichiara di avere tra i suoi pazienti persone che hanno esplicitamente chiesto di sottoporsi a un “ritocchino” per migliorare la propria immagine per un selfie perfetto da postare sui social. Le richieste riguardano tutto quello che serve per apparire meglio: dalla rinoplastica alla dimpleplasty, che permette di regalarsi le iconiche fossette, fino al recentissimo buccal fat removal, ovvero la rimozione dei cuscinetti adiposi nelle guance per rivelare zigomi più accentuati. 

Il ruolo dello specialista

Ma proprio perché i giovani sono così influenzabili, è importante che il chirurgo al quale si rivolgono sia un professionista serio in grado di valutare, oltre all’aspetto fisico, anche quello psicologico dei possibili clienti. Non si può, infatti, chiedere un naso nuovo oppure un seno più grande solo per un selfie perfetto: è necessario che il chirurgo indaghi con scrupolo le motivazioni e arrivi anche a dire no, quando necessario. Il pericolo maggiore? Voler aderire a canoni estetici che magari non sono indicati con un determinato tipo di fisico: un décolleté da maggiorata, per esempio, non sta di certo bene su una figura piccola di statura. In tutte queste circostanze deve essere il medico a dare spiegazioni e suggerire la via migliore per procedere in modo da soddisfare il più possibile le richieste, ma nella maniera corretta.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Non tutti i selfie comunque vengono per nuocere. Quelli che si fanno dopo un intervento possono essere d’aiuto per il chirurgo: secondo una ricerca dell’ASAPS (American Society for Plastic Surgery) il 96,2% dei pazienti che ha inviato un selfie al chirurgo dopo l’operazione ha avuto un recupero di qualità superiore.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti