Seno abbondante? Le donne fanno meno sport

Alberta Mascherpa
A cura di Alberta Mascherpa
Pubblicato il 04/06/2019 Aggiornato il 04/06/2019

Più il seno è abbondante e meno le donne fanno attività fisica. Tra i motivi, anche la vergogna

Seno abbondante? Le donne fanno meno sport

La taglia di reggiseno condizione l’attività sportiva. Lo ha osservato uno studio australiano pubblicato sulla rivista Journal of Science and Medicine in Sport secondo cui le donne con il seno abbondante tendono a fare meno attività fisica rispetto a quelle con misure meno ingombranti.

Legame tra taglia e sport

Le autrici, tre ricercatrici del laboratorio di Biomeccanica alla Faculty of Science, Medicine & Health dell’Università di Wollongong, in Australia, hanno arruolato 355 donne e le hanno divise in 4 gruppi in base alle dimensioni del seno: piccolo, medio, grande e molto grande. Tutte avevano compilato un sondaggio su quanto si erano mosse nel corso della settimana precedente all’arruolamento. E a tutte era stato chiesto di dichiarare se  le dimensioni del seno influenzassero oppure no gli allenamenti. È risultato che le donne con il seno abbondante avevano svolto in totale meno attività fisica e di tipo meno intenso rispetto alle altre. Quelle con seno soltanto “grande” comunque meno di quelle con seno piccolo e medio. E siccome, quando si tratta di comportamenti umani, sui grandi numeri in genere i conti tornano, una percentuale piuttosto elevata di donne con seno grande e molto grande ha anche dichiarato di aver percepito la dimensione del proprio décolleté come un elemento capace di influenzare quantità e intensità dell’attività fisica.

Non solo vergogna

Il problema è che durante un allenamento il seno ovviamente si muove (anche oltre 10 centimetri, è stato verificato, in senso longitudinale). Il che per alcune donne già di per sé può essere fonte di imbarazzo. Ma non è solo, e non è tanto, una questione di disagio o vergogna. Un seno abbondante – ma anche uno normale – sottoposto a sollecitazioni prolungate  (che i reggiseni sportivi attenuano, ma non eliminano del  tutto) può fare male, cioè provocare mastalgia. Uno studio del 2013 pubblicato sul British Journal of Sports Medicine rilevava che un terzo delle donne che aveva partecipato alla maratona di Londra nel 2012 aveva avuto mastalgia. E che c’era una correlazione diretta tra dolore e taglia del seno.

 

 

Da sapere!

I reggiseni appositi per lo sport sono la prima misura da adottare ma non riescono a risolvere del tutto il problema. Il modello da scegliere deve sostenere e contenere con una certa decisione ma senza comprimere eccessivamente il seno altrimenti c’è il rischio che il dolore sia ancora maggiore.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti