Seno nuovo? Con le tecniche moderne bastano trenta minuti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2015 Aggiornato il 16/10/2015

Bastano trenta minuti per avere un seno nuovo con la nuova smart mastoplastica . Ecco come

Seno nuovo? Con le tecniche moderne bastano trenta minuti

Ci sono donne che lo vorrebbero più sodo e donne che lo desiderano più prorompente. Secondo una recente ricerca dell’Università della California ben sette donne su dieci non sono soddisfatte delle dimensioni del loro seno. Proprio per questo sono disposte a rivolgersi al chirurgo pur di cambiarle. Non è un caso, infatti, che i numeri della chirurgia, in particolare quelli per aumentare il volume del décolleté, siano in costante crescita. Anche la chirurgia plastica si adegua alle nuove esigenze cercando soluzioni sempre più efficaci per offrire alle donne la possibilità di vedersi diverse allo specchio.

Le nuove tecniche

Con le nuove tecniche bastano, infatti, trenta minuti per avere un seno nuovo, con un intervento semplice, dal recupero rapido e dal dolore molto limitato. La nuova tecnica, messa a punto da due chirurghi italiani e da loro definita “smart mastoplastica”, regala un seno nuovo in soli trenta minuti grazie alla sapiente combinazione di procedure consolidate e sicure che permettono di ottimizzare i tempi dell’intervento riducendoli a circa mezz’ora rispetto alle consuete due ore di una mastoplastica tradizionale.

Anestesia locale

Un’ulteriore differenza tra la nuova e la vecchia metodica sta nella scelta del tipo di anestesia: per la nuova tecnica si preferisce quella locale con una leggera sedazione, una soluzione che permette di evitare i pesanti postumi di un’anestesia generale con intubazione. La moderna tecnica è indicata per tutte le donne che vogliono aumentare il volume del seno ma senza modificarne la forma: le protesi che vengono utilizzate sono inserite in sede sotto-muscolare con una procedura che permette di ridurre le problematiche alla contrazione del muscolo e gli inconvenienti che si possono presentare nel post-intervento. Il risultato di questo tipo di approccio sono tempi di permanenza in sala operatoria molto più brevi del consueto: appena trenta minuti.

Recupero veloce

L’operazione, inoltre, permette di ridurre l’edema e il gonfiore che in genere si presentano dopo la mastoplastica. In ogni caso il ricorso all’intervento, anche se ridotto nei tempi, va sempre valutato con una attenzione. La visita preliminare con il chirurgo è molto importante perché permette di stabilire le motivazioni che spingono verso il bisturi e di chiarire aspettative e desideri in modo che il successo dell’intervento sia completo.

 

 

 

 
 
 

In breve

AGLI UOMINI PIACE AL NATURALE

 Anche se la maggior parte delle donne non ama il proprio seno e lo vorrebbe diverso, gli uomini paiono, invece, apprezzare nel 56% dei casi il décolleté della partner che non vorrebbero vedere diverso, meno che meno con il ricorso alla chirurgia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti