Seno nuovo? Con le tecniche moderne bastano trenta minuti

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 16/10/2015 Aggiornato il 16/10/2015

Bastano trenta minuti per avere un seno nuovo con la nuova smart mastoplastica . Ecco come

Seno nuovo? Con le tecniche moderne bastano trenta minuti

Ci sono donne che lo vorrebbero più sodo e donne che lo desiderano più prorompente. Secondo una recente ricerca dell’Università della California ben sette donne su dieci non sono soddisfatte delle dimensioni del loro seno. Proprio per questo sono disposte a rivolgersi al chirurgo pur di cambiarle. Non è un caso, infatti, che i numeri della chirurgia, in particolare quelli per aumentare il volume del décolleté, siano in costante crescita. Anche la chirurgia plastica si adegua alle nuove esigenze cercando soluzioni sempre più efficaci per offrire alle donne la possibilità di vedersi diverse allo specchio.

Le nuove tecniche

Con le nuove tecniche bastano, infatti, trenta minuti per avere un seno nuovo, con un intervento semplice, dal recupero rapido e dal dolore molto limitato. La nuova tecnica, messa a punto da due chirurghi italiani e da loro definita “smart mastoplastica”, regala un seno nuovo in soli trenta minuti grazie alla sapiente combinazione di procedure consolidate e sicure che permettono di ottimizzare i tempi dell’intervento riducendoli a circa mezz’ora rispetto alle consuete due ore di una mastoplastica tradizionale.

Anestesia locale

Un’ulteriore differenza tra la nuova e la vecchia metodica sta nella scelta del tipo di anestesia: per la nuova tecnica si preferisce quella locale con una leggera sedazione, una soluzione che permette di evitare i pesanti postumi di un’anestesia generale con intubazione. La moderna tecnica è indicata per tutte le donne che vogliono aumentare il volume del seno ma senza modificarne la forma: le protesi che vengono utilizzate sono inserite in sede sotto-muscolare con una procedura che permette di ridurre le problematiche alla contrazione del muscolo e gli inconvenienti che si possono presentare nel post-intervento. Il risultato di questo tipo di approccio sono tempi di permanenza in sala operatoria molto più brevi del consueto: appena trenta minuti.

Recupero veloce

L’operazione, inoltre, permette di ridurre l’edema e il gonfiore che in genere si presentano dopo la mastoplastica. In ogni caso il ricorso all’intervento, anche se ridotto nei tempi, va sempre valutato con una attenzione. La visita preliminare con il chirurgo è molto importante perché permette di stabilire le motivazioni che spingono verso il bisturi e di chiarire aspettative e desideri in modo che il successo dell’intervento sia completo.

 

 

 

 
 
 

In breve

AGLI UOMINI PIACE AL NATURALE

 Anche se la maggior parte delle donne non ama il proprio seno e lo vorrebbe diverso, gli uomini paiono, invece, apprezzare nel 56% dei casi il décolleté della partner che non vorrebbero vedere diverso, meno che meno con il ricorso alla chirurgia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti