Seno nuovo in trenta minuti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/03/2017 Aggiornato il 20/03/2017

Per ritrovare un seno nuovo, più turgido e sodo, può bastare anche mezz’ora grazie a un nuovo intervento chirurgico chiamato Smart Mastoplastica. Promette risultati naturali e duraturi

Seno nuovo in trenta minuti

Trenta minuti per ritrovare un seno nuovo, più pieno e più tonico. È quanto promette la Smart Mastoplastica, una tecnica indicata per una particolare tipologia di pazienti e che nei centri dove viene praticata ha visto crescere del 60% il numero degli interventi negli ultimi due anni. Ecco di che cosa si tratta.

Intervento più veloce

Si tratta di una nuova procedura di aumento di seno con inserimento delle protesi che provoca un dolore molto limitato e in più permette un recupero rapido. Se la tecnica ha riscosso così tanti consensi è proprio perché è in grado di ottimizzare i tempi: per un seno nuovo bastano infatti trenta minuti contro le due ore di una mastoplastica tradizionale. Il tempo di intervento ridotto comporta a sua volta un minor trauma per i tessuti: il post operatorio diventa così più breve e anche meno doloroso. L’intervento è eseguito in anestesia locale con sedazione e la paziente può rientrare a casa in giornata. Questa metodica ha in più il grande vantaggio di offrire risultati del tutto naturali. 

Riempie ma non solleva

Come avviene in sostanza l’intervento? La smart mastoplastica consiste nell’inserimento di una protesi in una tasca scolpita in sede sotto-muscolare con un metodo studiato per ridurre i problemi dovuti alle contrazioni dinamiche del muscolo pettorale. Occorre comunque sapere che questa tecnica è indicata per tutte le pazienti che desiderano un aumento volumetrico del seno ma che non presentano la necessità di sollevarlo verso l’alto.

Attenzione al post operatorio

Le indicazioni da seguire nel post operatorio sono pochissime ma fondamentali; anche se la paziente può riprendere la normale vita quotidiana e le attività lavorative già due giorni dopo la chirurgia, bisogna tener conto che la fase successiva all’operazione è sempre delicata, per almeno un mese. In questo periodo è importante che la paziente venga seguita da una personal assistant o da un collaboratore sanitario per verificate che vengano seguite le indicazioni terapeutiche: uso di guaina e reggiseno contenitivo per trenta giorni, divieto di eseguire alcuni movimenti per 10/15 giorni e vari accorgimenti per eseguirne in modo corretto altri che coinvolgono gli arti superiori come alzarsi dal letto.

Sport solo dopo due mesi

Nel mese successivo all’operazione è fondamentale poi, per non compromettere il buon esito del ritocco, non eseguire attività che comportano carichi eccessivi per braccia: per questo l’attività sportiva si può riprendere al 100% dopo 60 giorni.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

SOLO IN CENTRI QUALIFICATI

Un intervento al seno, come qualsiasi altra operazione di medicina estetica, deve essere eseguita da professionisti qualificati in grado non solo di assicurare i migliori risultati ma anche di limitare al massimo i rischi che la chirurgia può presentare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti