Strategie per disintossicarsi in vista della primavera

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 21/03/2019 Aggiornato il 21/03/2019

Dopo l'inverno è facile ritrovarsi gonfie e appesantite a causa delle tossine accumulate. Occorre disintossicarsi subito, fin dai primi giorni di primavera. E i risultati arrivano

Strategie per disintossicarsi in vista della primavera

Capita a tutte dopo la stagione invernale. Gli anglosassoni hanno anche coniato un termine, “puffy look”, per descrivere l’aspetto post inverno: gonfio, a palloncino e pesante per l’accumulo di tossine nell’organismo. Ma ritrovare un aspetto radioso e “primaverile” è possibile, avendo una pelle luminosa, un fisico più scattante, persino una mente più fresca.

Le strategie a tavola

Per disintossicarsi, oltre a portare in tavola ogni giorno due porzioni abbondanti di verdure di cui la primavera è ricca (in particolare quelle amare come radicchio, rucola, carciofi), non si deve dimenticare di bere molto: almeno due, tre litri di acqua oligominerale naturale. Joelle Ciacca, guru francese del detox, suggerisce di bere al risveglio un bicchiere di acqua tiepida con un cucchiaino di bicarbonato e di pulire sempre bene la lingua con l’apposito strumento oppure con un cucchiaio partendo dal fondo fino alla punta.

Un aiuto dalle erbe

Se non si allatta si può ricorrere alle erbe, in particolare all’aloe, il tarassaco, la bardana, la piantaggine da assumere sotto forma di tisane oppure di integratori già pronti.

Un occhio alla cura della pelle

Le strategie disintossicanti da mettere in atto all’arrivo della primavera prevedono anche un’accurata pulizia della pelle con lo scrub: a grana grossa per le parti più robuste del corpo oppure con microgranuli sottili per i punti delicati, dal décolleté alle braccia, aiuta a liberare i pori dalle cellule morte e dalle impurità permettendo alla cute di respirare e di ossigenarsi a fondo. Anche un lungo bagno caldo aiuta a disintossicarsi. Dopo una doccia tiepida per portare via sporco e sudore, si riempie la vasca con acqua molto calda, si aggiunge un chilo di sale grosso e si resta in immersione per venti minuti. Durante il bagno è importante bere almeno mezzo litro di acqua tiepida con succo di limone per favorire l’eliminazione delle tossine. Per completare gli effetti detossinanti del bagno può essere utile un automassaggio che stimola gli organi preposti all’eliminazione delle tossine, in particolare il fegato e l’intestino: si può usare dell’olio di mandorle dolci al qualche aggiungere due, tre gocce di olio di estragone da massaggiare sul ventre con movimenti circolari in senso orario che partono dall’ombelico per allargarsi fino ai fianchi, insistendo per almeno un paio di minuti. 

 
 
 

in pratica

ADDIO ALL’INVERNO

Le strategie disintossicanti per accogliere in bellezza la primavera partono dalla tavola con un’alimentazione leggera e ricca di verdure depurative. Scrub, bagni caldi e massaggi completano il programma che permette di eliminare le tossine accumulate durante l’inverno e ritrovare leggerezza e benessere. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti