Struccarsi sempre per evitare problemi agli occhi

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 21/08/2018 Aggiornato il 21/08/2018

Ogni sera è d’obbligo struccarsi sempre gli occhi con cura: i residui possono infatti danneggiare questa parte delicata

Struccarsi sempre per evitare problemi agli occhi

È diventata subito virale qualche tempo fa la notizia di una donna australiana che per 25 anni è andata a letto senza struccarsi, o facendolo molto superficialmente, e che ha dovuto poi affrontare una pericolosa infezione agli occhi. Il mascara che metteva ogni mattina, in dose anche piuttosto generosa, le ha provocato, infatti, diversi problemi. Questo, probabilmente, è un caso raro ma è bene sapere che si corrono comunque rischi andando a letto senza struccarsi sempre, in particolare gli occhi.

Aggressioni di ogni tipo

Ogni giorno gli occhi sono esposti a polvere e particelle dannose: dallo smog al pulviscolo diffuso nell’aria. Ecco perché è importante sciacquare con cura gli occhi e alla sera, che ci si trucchi o meno, è necessario struccarsi sempre. Bisogna però farlo con i prodotti giusti: no quindi a sapone e detergenti aggressivi che possono fare danni su una parte così fragile come la zona oculare. Più indicati sono i prodotti appositi, molto delicati e testati contro il rischio di irritazioni e reazioni allergiche.

Le mosse giuste

Importante anche prestare attenzione ai gesti. In primo luogo è importante lavarsi le mani con attenzione, strofinandole per 10-15 secondi, meglio se togliendosi anche eventuali anelli. Occorre poi imbibire due dischetti di cotone morbido con lo struccante e applicarli sugli occhi, lasciandoli agire per qualche secondo prima di togliergli facendoli scivolare lentamente verso il basso: così si evita di sfregare troppo una parte che è molto delicata.

Se è waterproof

Se il trucco che si usa è waterproof occorrono appositi struccanti oleosi, gli unici in grado di asportare prodotti particolarmente tenaci senza dover strofinare energicamente le palpebre. In tutti i casi se rimangono residui di trucco (mascara, matita e eyeliner lungo la rima palpebrale) si può toglierli con un bastoncino di cotone imbevuto di struccante.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Particolarmente attente devono essere le persone che portano le lenti a contatto. Il consiglio è di metterle prima e poi truccarsi. Al contrario quando ci si strucca, è preferibile prima togliere le lenti e poi procedere alla rimozione del trucco, anche aiutandosi con lacrime artificiali che lubrificano gli occhi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti