Sugar face: troppo zucchero rovina la pelle

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/07/2016 Aggiornato il 26/07/2016

Si chiama “sugar face” il viso segnato di chi mangia molti dolci. Ecco perché

Sugar face: troppo zucchero rovina la pelle

Brufoletti, borse e colorito spento…insomma, una sugar face. Attenzione a quello che si mangia, dunque: troppo zucchero rovina, infatti, la pelle. Eccolo di nuovo sotto accusa: oltre a favorire il diabete, far venire la carie, dilatare a dismisura il girovita e peggiorare la cellulite, oggi lo zucchero è sul banco degli imputati anche per quanto riguarda la bellezza del viso e del corpo.

Bersaglio viso

Troppo zucchero aggiunto al caffè, ma anche assunto sotto forma di dolci e snack rovina la pelle e sarebbe responsabile di quella che i dermatologi inglesi chiamano “sugar face”, faccia di zucchero. Le sue manifestazioni visibili? La comparsa di imperfezioni che vanno dai brufoli ai punti neri, dalle borse sotto gli occhi all’incarnato spento e poco vitale. Sono stati di recente i dermatologi inglesi ad analizzare con precisione il ruolo che lo zucchero gioca nell’alterare l’equilibrio cutaneo.

Il meccanismo alla base

Innanzitutto, bisogna tener conto del fatto che i cibi ricchi di zucchero hanno un alto indice glicemico(): provocano quindi un notevole carico di zuccheri nel corpo e forti fluttuazioni dell’insulina che nel tempo portano al diabete, responsabile a sua volta di un’accelerazione nel processo di invecchiamento della cute. Lo zucchero poi legandosi al collagene innesca un processo noto come glicazione che provoca una degradazione delle fibre elastiche e porta alla comparsa di rughe e cedimenti, anche a livello di zone delicate come il contorno occhi che si segna con antiestetiche borse.

Meglio lo zucchero naturale

Troppo zucchero rovina la pelle anche perché ha un’azione disidratante, alla quale la cute risponde producendo una maggior quantità di lipidi che, soprattutto nei soggetti predisposti, può accentuare le manifestazioni tipiche dell’acne come brufoli, lucidità e punti neri. Non si tratta comunque di demonizzare lo zucchero: se non si esagera con la quantità e si inserisce il suo consumo nel quadro di un’alimentazione equilibrata e di uno stile di vita sano ha un ruolo importante nel dare energia a tutto il corpo e al cervello in particolare. Importante non esagerare e puntare sullo zucchero naturale come quello della frutta (fruttosio), evitando invece lo zucchero raffinato e i cibi che ne contengono dosi molto alte a fronte della totale assenza di altri nutrienti, come le bevande gassate.

 

 

 

 
 
 

da sapere!

Attenzione anche al latte e ai suoi derivati. La leucina, un aminoacido presente in questa categoria di alimenti, sembra stimolare un particolare complesso enzimatico in grado di interagire con gli stimoli alla base della comparsa dell’acne.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti