Tanta vitamina A per proteggere la nostra pelle al mare

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 06/08/2014 Aggiornato il 06/08/2014

Alimenti ricchi di vitamina A come pomodori e carote, se consumati con l’avocado, difendono pelle e vista dai raggi UV e radicali liberi 

Tanta vitamina A per proteggere la nostra pelle al mare

Come è già noto, la vitamina A, ci protegge dall’invecchiamento della pelle, soprattutto d’estate, quando siamo maggiormente esposti ai raggi solari, perché tutti intenti a raggiungere la tanto sognata “abbronzatura”! Facciamo, quindi, scorta di cibi ricchi di carotenoidi o provitamina A come alfa e beta carotene.

Il giallo-arancio ci protegge

I carotenoidi sono pigmenti che conferiscono il caratteristico colore arancio-giallo a molti frutti e verdure. Il nostro organismo è in grado di convertire questi pigmenti vegetali in una forma attiva e utilizzabile di vitamina A.

Importante anche l’assorbimento

Per raggiungere i maggiori effetti benefici, oltre che assumerla, è necessario assorbirla al meglio. Un recente studio della Ohio State University, pubblicato sul The Journal of Nutrition, spiega come.

Fondamentale l’associazione dei cibi

Secondo i ricercatori della Ohio State University per ottenere il massimo assorbimento e miglior conversione nella forma attiva di questa vitamina è essenziale abbinare correttamente i cibi. La vitamina A è coinvolta nel buon funzionamento dell’apparato riproduttivo e nello sviluppo. Inoltre promuove la salute di pelle, sistema immunitario e vista e ha proprietà antiossidanti!

La ricerca su uomini e donne

La ricerca prevedeva due studi randomizzati che esaminavano il consumo di avocado fresco associato ad alimenti ricchi di carotenoidi. In particolare, nel primo studio l’avocado fresco era mangiato insieme alla salsa di pomodoro ricca di beta carotene, mentre nel secondo con delle carote crude. In entrambi i casi emergeva che l’avocado fresco favoriva l’assorbimento dei carotenoidi provitamina A (contenuta appunto nei pomodori e nelle carote) e la conversione di questi carotenoidi in una forma attiva di vitamina A. Entrambi gli studi dimostrerebbero, dunque, che vi è un  assorbimento maggiore di carotenoidi quando sia la salsa di pomodoro sia le carote sono abbinati alla metà di un avocado.

In breve

LA SALUTE DELLA PELLE NEL PIATTO

Per proteggere la nostra pelle dai danni provocati dai raggi UV non devono mancare sulla nostra tavola anche pesche, albicocche, meloni, mango, papaia, peperoni, tutti ricchi di carotenoidi, ma anche di vitamina C, altra vitamina antiossidante che combatte i radicali liberi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti