Trattamenti mini-invasivi: sempre più gettonati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/05/2017 Aggiornato il 30/05/2017

I trattamenti mini-invasivi rappresentano la nuova frontiera della medicina estetica. Grande successo di pubblico

Trattamenti mini-invasivi: sempre più gettonati

Dalla radiofrequenza agli ultrasuoni fino ai laser. La nuova frontiera della bellezza promuove a pieni voti i trattamenti mini-invasivi che permettono di ritrovare un fisico più snello e un viso più giovane senza fatica e – soprattutto – senza dolore. I trattamenti mini-invasivi piacciono sempre più alle donne, ma anche agli uomini che, con una frequenza decisamente maggiore rispetto al passato, prenotano un appuntamento nello studio del chirurgo estetico.

Superato il bisturi

Tra i trattamenti mini-invasivi i più gettonati sono quelli che consentono, senza sottoporsi a interventi chirurgici, di combattere il rilassamento cutaneo, ridurre il grasso, rimodellare il corpo e trattare l’inestetismo più diffuso e temuto, la cellulite, che colpisce otto donne su dieci al di sopra dei 16 anni. I dati parlano chiaro: a livello mondiale il mercato del rimodellamento del corpo senza bisturi cresce del 14% all’anno. Nel 2015 i trattamenti estetici non chirurgici sono stati 10 milioni e hanno riguardato per l’84,7% le donne e per ben il 15,5% gli uomini.

Veloci e indolori

Anche in Italia, settimo Paese al mondo per trattamenti estetici dopo Stati Uniti, Brasile e Corea del sud, quelli mini-invasivi si confermano i veri protagonisti della bellezza: nel 2015 sono stati complessivamente 280 mila, quelli per la riduzione della cellulite sono stati circa 5.240, effettuati al 91,5% da donne, e quelli per la riduzione del tessuto adiposo: circa 4.712, di cui 82,4% fatti da donne. Rapidi e indolori, i trattamenti mini-invasivi riducono al minimo i rischi() e consentono di tornare subito al lavoro e alle attività di tutti i giorni.

Molte mamme

A sceglierli sono soprattutto le donne tra i 35 e i 50 anni che, dopo una o più gravidanze oppure a causa di alterazioni ormonali, non si sentono più a proprio agio e desiderano tornare a avere pance piatte e gambe snelle. I trattamenti mini-invasivi sono certamente più confortevoli e presentano tempi minori di recupero rispetto alla chirurgia tradizionale, garantiscono risultati visibili sin dalle prime sedute con grande soddisfazione delle pazienti e di un numero sempre più crescente di uomini.

Contano anche le buone abitudini

In particolare, i trattamenti che prevedono l’uso combinato di radiofrequenza e ultrasuoni hanno dimostrato una notevole efficacia nel rimodellamento del corpo. Naturalmente è importante associare ai trattamenti un’alimentazione sana e uno stile di vita corretto, che prevede anche l’esercizio fisico costante che, non solo migliora l’efficacia dei trattamenti ,ma aiuta anche a salvaguardare la salute.

 

 
 
 

Da sapere!

In particolare nel caso della cellulite, è fondamentale tener conto che, oltre alla predisposizione genetica, ci sono cattive abitudini che possono favorire cuscinetti e pelle a buccia di arancia, come la sedentarietà, un’alimentazione troppo ricca di calorie, l’uso prolungato di tacchi alti e indumenti che costringono, l’alcol, il fumo e i vizi di postura, come quello di tenere a lungo le gambe accavallate.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti