Unghie sane, ecco cosa fare

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 13/08/2019 Aggiornato il 13/08/2019

Sfoggiare una bella manicure è il sogno di tutte le donne, ma colorarle non basta. Ecco come avere unghie sane

Unghie sane, ecco cosa fare

Smalti colorati per la manicure e la pedicure. Sicure che le unghie non soffrono? Secondo i dermatologi è naturale che possano indebolire la struttura dell’unghia predisponendo a un maggior rischio di fragilità. Per avere unghie sane, dunque, l consiglio è quello di tenerli per una quindicina di giorni consecutivi e poi cercare di lasciare libere le unghie per almeno un giorno o due o almeno solo per una notte, se proprio non si vuole rinunciare al colore.

Più problemi con gel e smalti semi-permanenti

Il discorso è diverso se si utilizzano gli smalti semi-permanenti o gel che contengono sostanze come resine e ftalati, sostanze dall’effetto occlusivo maggiore rispetto alle formule tradizionali. Possono quindi indebolire le unghie, soprattutto quelle già fragili. Inoltre, in casi di ipersensibilità agli acrilati, sostanze che costituiscono questi prodotti, si corre il rischio di manifestare dermatiti da contatto. Tuttavia la ricostruzione delle unghie con gel non va demonizzata.

Come evitare i problemi

Per evitare potenziali problemi è importante effettuare innanzitutto i trattamenti solo su unghie sane. Inoltre, la ricostruzione deve essere eseguita da professionisti esperti che oltre a essere diplomati utilizzino prodotti sicuri, approvati dalla legislazione europea, tra le più severe in materia, evitando invece di acquistare sul web prodotti provenienti da Paesi extra CEE che potrebbero non essere conformi. Attenzione poi alla rimozione: va fatta sempre in istituto, da professionisti e nel modo più delicato possibile, visto che richiede l’uso di una fresa che limando la superficie delle unghie può renderle più vulnerabili e facilitare la comparsa di infezioni.

Il rischio micosi

Attenzione anche al taglio. Negli ultimi anni sono aumentati sensibilmente i casi di micosi e di infezioni scatenate da funghi e batteri che penetrano nella lamina ungueale attraverso tagli o abrasioni provocate da una manicure o una pedicure poco professionale o da un taglio malfatto a casa. L’ideale è, infatti, tagliare le unghie di una forma quadrata, arrotondate agli angoli ma senza scendere troppo verso la carne prediligendo la lima di cartone al posto di quella in metallo, più aggressiva. Durante la manicure poi le cuticole non vanno mai rimosse con, né con le forbicine né con il tronchesino perché costituiscono la protezione dell’unghia ed eliminandole si favorisce l’ingresso di batteri, virus e funghi, aprendo così la strada a micosi e a dolorose infezioni.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Per pulire le unghie con delicatezza si possono usare spazzolini con setole morbide, dopo aver immerso le mani per un minuto in acqua calda. Vanno invece evitati scrupolosamente gli oggetti appuntiti che, oltre a poter causare ferite, spingono lo sporco in profondità, facilitando le infezioni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti