Vaccino anti-Covid e ritocco? Sì, purché a distanza

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 08/06/2021 Aggiornato il 08/06/2021

Il vaccino anti-Covid e i trattamenti di medicina e chirurgia estetica, possono andare d’accordo? Sì, a patto di usare prudenza, suggeriscono gli esperti

Vaccino anti-Covid e ritocco? Sì, purché a distanza

Posso fare un ritocco dopo il vaccino anti-Covid? Un filler? E il botulino? In tempi di Covid, e di vaccino, è naturale porsi domande anche per quanto riguarda le procedure di medicina e chirurgia estetica. Soprattutto dopo che negli Stati Uniti si sono avuti tre casi di reazioni  avverse (un edema labiale e due edemi localizzati nella sede di iniezioni dei filler) nei giorni successivi alla somministrazione del vaccino anti-Covid Moderna. Niente di particolarmente significativo visto che la reazione, modesta e transitoria, è stata gestita con una terapia antiinfiammatoria senza lasciare strascichi, ma sufficiente per mettere in allarme.

Deve prevalere il buonsenso

La risposta della Società italiana di chirurgia plastica ricostruttiva-rigenerativa ed estetica SICPRE, l’unica società di chirurgia plastica riconosciuta dal Ministero della Salute, è “niente allarmi ma prudenza e buonsenso”: vaccino anti-Covid e ritocco possono andare d’accordo a patto di rispettare le giuste tempistiche che suggeriscono alcuni giorni di stop.

Tenere conto della risposta dell’organismo

“Come tutti i vaccini – sottolinea il professor Francesco D’Andrea, presidente SICPRE – anche quello contro il SARS-CoV2  può indurre nell’organismo uno stato di debolezza che consiglia di evitare le procedure mediche e chirurgiche che possono essere spostate ad altre date”. Partendo da presupposto che il vaccino è un presidio insostituibile e che le procedure di medicina e chirurgia estetica hanno un importante valore, è proprio nell’ottica della massima sicurezza che si suggerisce di far intercorrere tra la somministrazione del vaccino e le procedure un tempo di circa 14 giorni. Fa eccezione il vaccino Pfizer/BionTech, per cui tra la prima e la seconda dose si raccomanda di evitare ogni procedura.

Un modulo da compilare

Oltre alle raccomandazioni, il documento si compone di un modello di ammissione alla visita e alle cure, che il paziente deve compilare, e di una lista di domande da somministrare al paziente il giorno prima relative al suo stato di salute e vaccinale. “Oltre a essere utile e prezioso per i chirurghi plastici, il documento relativo all’interazione del vaccino anti-Covid con il ritocco è un importante strumento di sensibilizzazione” conclude l’esperto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Chi riceve il vaccino anti-Covid deve sapere che si tratta di un vero e proprio atto medico e che proprio per questo è importante tenerne conto anche per la programmazione di altri trattamenti.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti