Celiachia: sì ai prodotti senza glutine al supermercato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/08/2014 Aggiornato il 07/08/2014

Chi ha la celiachia può fare la spesa anche nei supermercati convenzionati con la Regione Lombardia e pagare con il budget della carta regionale dei servizi

Celiachia: sì ai prodotti senza glutine al supermercato

Fare la spesa al supermercato come tutti. Da oggi lo può fare anche chi è affetto da celiachia e ha bisogno di acquistare prodotti speciali senza glutine. L’iniziativa riguarda in particolare chi è affetto da Morbo Celiaco e Dermatite Erpetiforme.

Nei negozi convenzionati

In Lombardia i malati delle Asl di Varese, Como e Lodi recandosi nei supermercati convenzionati, tra cui anche grandi catene come Bennet, Esselunga, Coop Lombardia e Gigante, possono acquistare i prodotti senza glutine utilizzando la tessera sanitaria e il codice celiachia fornito a ogni utente per il rimborso dei prodotti dal Sistema sanitario nazionale.

Come funziona

Il costo sarà scalato dal proprio budget mensile e, alla fine, dopo che la cassiera avrà passato tutta la spesa, sarà sufficiente fornire la tessera sanitaria e digitare il codice. Se l’importo supererà la disponibilità mensile sarà necessario pagare la differenza, altrimenti il prezzo dei prodotti per la celiachia sarà semplicemente scalato dalla tessera. Si può fare anche una spesa “mista” acquistando sia prodotti senza glutine che normali. In questo caso, naturalmente, saranno scalati dal budget solo quelli per la celiachia.

L’esperimento in Lombardia

Il sistema, per ora in fase sperimentale, è stato sviluppato da Lombardia informatica. Per conoscere i punti vendita convenzionati si può consultare il sito www.crs.regione.lombardia.it e per maggiori informazioni si può chiamare il numero verde della Regione Lombardia 800.030.606.

 

In breve

NON PIU’ SOLO IN FARMACIA

Nuovo servizio per i malati di celiachia: una spesa più semplice anche al supermercato dove sarà possibile pagare i prodotti senza glutine con il budget mensile assegnato dal Servizio Sanitario Nazionale tramite la carta regionale dei servizi e un codice personale fornito dalle Asl. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti