Allergia alla carne rossa causa malattie cardiache?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 20/08/2018 Aggiornato il 20/08/2018

Chi soffre di allergia alla carne rossa ha più rischi di malattie cardiache per colpa di un particolare allergene contenuto in grandi quantità proprio nella carne. Ma è sotto accusa anche una zecca

Allergia alla carne rossa causa malattie cardiache?

È noto che i grassi saturi contenuti nella carne rossa accrescano le possibilità di incorrere in malattie cardiache. Supportata dal National Heart, Lung and Blood Institute e pubblicata da Ateriosclerosis, Thrombosis and Vascoular Biology, una ricerca americana ha scoperto  però che alcune persone – quelle che soffrono di allergia alla carne rossa – maggiormente predisposte a questo rischio. La causa pare essere di un allergene contenuto proprio in questo alimento.

Un fattore non ancora riconosciuto

Sotto la lente d’ingrandimento dei ricercatori è finito un particolare allergene – il galattosio-α-1,3-galattosio (o alpha-Gal) – in grado di favorire un maggiore accumulo di placche nelle arterie. Coordinato da Coleen McNamara dell’Università della Virginia Health System di Charlottesville, lo studio ha concentrato l’attenzione su un ristretto gruppo di abitanti della Virginia, arrivando a concludere come l’ allergia alla carne rossa possa essere un fattore non ancora riconosciuto di malattie cardiache.

Pericolosa combinazione

Composto da 118 individui, il campione preso in esame ha rivelato un’ allergia alla carne rossa nel 26% dei casi. I dati hanno inoltre svelato che chi è allergico ha una percentuale del 30% superiore di placche nel sangue e come queste placche risultino in contemporanea più instabili e l’anticamera do aterosclerosi, ictus e infarti. Tutto ciò, associato al morso della zecca Lone Star, in grado di sensibilizzare le persone all’allergene, ha portato gli studiosi a concludere che l’ allergia alla carne rossa possa avere una natura prettamente regionale. Le zone degli Stati Uniti maggiormente colpite, infatti, sembrano essere gli stati del Sudest e alcune aree specifiche come, per esempio, Long Island, New York. Tutte zone dove la Lone Star è più presente.

Servono ulteriori studi

Stimare il numero di americani che soffrono di allergia alla carne rossa non è semplice. In alcune aree si calcola che il problema possa interessare l’1% della popolazione, con un 20% di individui che sviluppa in modo asintomatico anticorpi agli allergeni. Sono necessari ora ulteriori studi e test che allarghino il campione in numero e in provenienza geografica con l’obiettivo di confermare il legame tra l’alpha-Gal e le malattie cardiache.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Che si sia allergici oppure no, è sempre buona norma non esagerare con la carne rossa. I rischi di un suo consumo eccessivo riguardano infatti ben nove malattie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti