Attenzione alla carne vegetale: fa salire la pressione

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 06/11/2019 Aggiornato il 06/11/2019

La carne vegetale è troppo ricca di sale, grassi e zuccheri. Un suo consumo quotidiano potrebbe provocare ipertensione

Attenzione alla carne vegetale: fa salire la pressione

È proprio vero che la carne vegetale sia più sana della carne tradizionale? No, secondo un gruppo di ricercatori del George Institute for Global Health di Melbourne che ha condotto uno studio commissionato dalla Heart Foundation e dal Dipartimento Sanità sull’analisi di alimenti di origine vegetale, alternativi alla carne. È così emerso un alto contenuto di sale aggiunto, il cui costante consumo può causare ipertensione.

Carne “finta” meno sana di quella vera

Secondo gli esperti, hamburger, falafel e salsicce a base di soia, tofu e cereali, alimenti spesso acquistati dai vegetariani e vegani nella grande distribuzione, sono così ricchi di sale, grassi e zuccheri da essere poco salutari, soprattutto se consumati ogni giorno. Qualche esempio:

  •  100 grammi di bacon “vegetale” contengono circa 2 grammi di sale, un terzo del consumo giornaliero raccomandato;
  • in tortini di finta carne è stato trovato metà del consumo di sale consigliato.

Effetto del marketing

Secondo la nutrizionista di salute pubblica Clare Farrand “gli alimenti alternativi alla carne sono pubblicizzati come più salutari perché di base vegetale, senza glutine o vegan”. E un alimento di “base vegetale” è considerato automaticamente più sano, perché non si pensa a quanto viene aggiunto per dargli più gusto.

Dieta vegetariana e vegana: sono sempre sane?

In merito agli stili di vita vegetariani e vegani, la ricerca australiana conclude che non sempre sono così salutari come spesso si crede, soprattutto se includono cibi industriali lavorati. Mentre è certamente sana un’alimentazione ricca di verdura, frutta, cereali integrali, legumi e frutta secca.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) raccomanda un consumo di sodio giornaliero pari a 2 grammi, corrispondenti a circa 5 grammi di sale da cucina (circa un cucchiaino da tè).

 

 

Fonti / Bibliografia

  • How your meat-free favourites could be tricking you | The George Institute for Global HealthSYDNEY, SEPT 10, They might be plant-based, gluten-free, organic and vegan, but many meat-free alternative products are highly processed and packed with salt, making them more stealthy than healthy. More than 2.5 million Australians are eating meat-free and the choice of alternatives such as meat-free bacon, burgers and sausages has almost tripled in supermarkets in less than a decade. But new research has revealed some popular products are hiding up to half a day’s worth of salt in one serve.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti