Bibite dolci e cancro: potrebbe esserci un legame

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 23/08/2019 Aggiornato il 23/08/2019

Bibite dolci sotto accusa: sembra che aumentino il rischio di tumore. È quanto emerso da uno studio francese condotto su più di 100.000 persone

Bibite dolci e cancro: potrebbe esserci un legame

Le bibite dolci potrebbero aumentare il rischio di ammalarsi di cancro. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori del Sorbonne Paris Cité Epidemiology and Statistics Research Center (Cress) a seguito di uno studio denominato NutriNet-Santé. 

100.000 persone sotto esame

Scopo dello studio era monitorare, se esistono, le associazioni tra il consumo di bibite dolci e con dolcificanti artificiali (dietetiche) e il rischio di cancro. A tutti gli individui scelti (101257: 21% uomini e 79% donne) sono stati somministrati due questionari dietetici online per monitorare l’assunzione abituale di 3.300 diversi alimenti e bevande per un massimo di 9 anni (dal 2008 al 2019). Sono stati quindi considerati:

·      consumo giornaliero di bevande zuccherate e bibite con dolcificanti artificiali confrontato con le cartelle cliniche dei pazienti e i dati relativi alle assicurazioni sanitarie;

·      età;

·      sesso;

·      livello di istruzione;

·      storia familiare;

·      fumo;

·      livelli di attività fisica.

I risultati della ricerca

Al termine dell’esame, sia il consumo di succhi di frutta sia di bevande zuccherate è risultato associato a un maggior rischio di cancro. Non solo: un aumento di 100 ml al giorno di bibite zuccherate sarebbe associato ad un aumento del 18% del rischio di tumore (con un + 22% per il cancro al seno). Nessuna associazione è stata, invece,trovata per i tumori della prostata e del colon-retto, ma il numero di casi esaminato era più limitato. Il consumo delle bevande con dolcificanti non è stato associato a un aumento del rischio, mai ricercatori dichiarano che è bene mantenere una certa cautela nell’interpretazione di questo risultato, a causa di un utilizzo più basso nel campione.

Necessari altri studi

Essendo uno studio osservazionale, non è possibile stabilire un legame causa-effetto, ma i risultati raggiunti confermano quanto raccomandato dall’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità), e cioè, di ridurre il consumo di bevande zuccherate nella dieta.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Secondo le linee guida dell’Oms lo zucchero da assumere ogni giorno dovrebbe essere inferiore al 10% della quantità totale di energia assunta quotidianamente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti