Bibite gassate: 1 su 4 supera la dose giornaliera di zucchero

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 11/01/2017 Aggiornato il 11/01/2017

Metà delle bibite gassate in vendita contiene circa 7 cucchiaini di zucchero, ossia il limite massimo della dose giornaliera che un adulto dovrebbe assumere. Alle stelle rischio diabete e obesità

Bibite gassate: 1 su 4 supera la dose giornaliera di zucchero

Secondo quanto rivelato da uno studio pubblicato sul British Medical Journal, il 55% delle bibite gassate contiene più di 30 grammi di zucchero (all’incirca 7 cucchiaini), che rappresenta il limite massimo raccomandato dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, per chiunque abbia un’età superiore agli 11 anni. Il sondaggio si riferisce al mercato britannico, che è comunque assimilabile a quello italiano.

Zucchero dappertutto

Secondo l’Oms e l’American Heart Association, la dose giornaliera di zucchero consentita si aggira intorno ai  9 cucchiaini per gli uomini e ai 6 per le donne. Ma, oltre alle bibite gassate, ci sono anche altri alimenti che contengono una notevole quantità di zucchero come i cibi confezionati: un cartone piccolo di succo di frutta, per esempio, contiene più di 5 cucchiaini di zucchero, una barretta di cioccolato ne contiene 6, mentre una lattina di cola 8. In America sono in commercio alcune bibite alla frutta che contengono fino a 25 cucchiaini di zucchero in una tazza.

Nuove tasse sulle bibite zuccherate

Alcuni Paesi stanno già prendendo provvedimenti seri per cercare di ridurre il consumo di bibite gassate e non, con un’elevata quantità di zucchero. In Ungheria è stata impostata una tassa su tutti i cibi confezionati ricchi di zucchero, sale  e caffeina. In Messico è stata imposta una tassa sulle bibite analcoliche con zuccheri aggiunti. Nel frattempo anche il Regno Unito, l’Irlanda del Nord, il Sudafrica e le Filippine hanno annunciato l’intenzione di applicare una tassa sulle bibite zuccherate.

In America nasce la Soda Tax

Negli Stati Uniti, più precisamente a San Francisco e nella Bay Area, invece, è stata approvata la Soda Tax, ovvero la tassa sulle bibite dolci. Dal 2018 saranno riportate le etichette su tutti gli alimenti confezionati, che dovranno riportare gli zuccheri aggiunti e quelli totali. Le prime due città in America ad approvare la Soda Tax sono state Berkeley e Philadelphia.

 

 

lo sapevi che?

La birra allo zenzero è la bevanda che contiene più zucchero con una media è di 9,6 cucchiaini. Al secondo posto si classificano le cole aromatizzate con 9,4 cucchiaini di zucchero, seguite dalle aranciate e dalle bibite zuccherate aromatizzate alla vaniglia, con più di 30 grammi di zucchero (7 cucchiaini circa).

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti