Bibite gassate: 1 su 4 supera la dose giornaliera di zucchero

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/01/2017 Aggiornato il 11/01/2017

Metà delle bibite gassate in vendita contiene circa 7 cucchiaini di zucchero, ossia il limite massimo della dose giornaliera che un adulto dovrebbe assumere. Alle stelle rischio diabete e obesità

Bibite gassate: 1 su 4 supera la dose giornaliera di zucchero

Secondo quanto rivelato da uno studio pubblicato sul British Medical Journal, il 55% delle bibite gassate contiene più di 30 grammi di zucchero (all’incirca 7 cucchiaini), che rappresenta il limite massimo raccomandato dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, per chiunque abbia un’età superiore agli 11 anni. Il sondaggio si riferisce al mercato britannico, che è comunque assimilabile a quello italiano.

Zucchero dappertutto

Secondo l’Oms e l’American Heart Association, la dose giornaliera di zucchero consentita si aggira intorno ai  9 cucchiaini per gli uomini e ai 6 per le donne. Ma, oltre alle bibite gassate, ci sono anche altri alimenti che contengono una notevole quantità di zucchero come i cibi confezionati: un cartone piccolo di succo di frutta, per esempio, contiene più di 5 cucchiaini di zucchero, una barretta di cioccolato ne contiene 6, mentre una lattina di cola 8. In America sono in commercio alcune bibite alla frutta che contengono fino a 25 cucchiaini di zucchero in una tazza.

Nuove tasse sulle bibite zuccherate

Alcuni Paesi stanno già prendendo provvedimenti seri per cercare di ridurre il consumo di bibite gassate e non, con un’elevata quantità di zucchero. In Ungheria è stata impostata una tassa su tutti i cibi confezionati ricchi di zucchero, sale  e caffeina. In Messico è stata imposta una tassa sulle bibite analcoliche con zuccheri aggiunti. Nel frattempo anche il Regno Unito, l’Irlanda del Nord, il Sudafrica e le Filippine hanno annunciato l’intenzione di applicare una tassa sulle bibite zuccherate.

In America nasce la Soda Tax

Negli Stati Uniti, più precisamente a San Francisco e nella Bay Area, invece, è stata approvata la Soda Tax, ovvero la tassa sulle bibite dolci. Dal 2018 saranno riportate le etichette su tutti gli alimenti confezionati, che dovranno riportare gli zuccheri aggiunti e quelli totali. Le prime due città in America ad approvare la Soda Tax sono state Berkeley e Philadelphia.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

La birra allo zenzero è la bevanda che contiene più zucchero con una media è di 9,6 cucchiaini. Al secondo posto si classificano le cole aromatizzate con 9,4 cucchiaini di zucchero, seguite dalle aranciate e dalle bibite zuccherate aromatizzate alla vaniglia, con più di 30 grammi di zucchero (7 cucchiaini circa).

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti