Broccoli: scoperta proteina dagli effetti antitumorali

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 27/06/2019 Aggiornato il 27/06/2019

La proteina capace di bloccare la proliferazione cellulare nelle neoplasie si trova nei broccoli, cavoli, cavolfiori e cavolini di bruxelles. Ecco come agisce

Broccoli: scoperta proteina dagli effetti antitumorali

Che le piante crucifere (la grande famiglia dei cavoli, broccoli, cavolfiori) avessero un effetto antitumorale era già ben noto, ma un recente studio pubblicato sull’autorevole rivista scientifica Science, avrebbe scoperto la proteina coinvolta nel meccanismo. Secondo un gruppo di ricercatori diretti dall’oncologo italiano Pier Paolo Pandolfi, direttore dei Cancer Center e Cancer Research Institute presso il Beth Israel Israel Deaconess Medical Center di Boston, sarebbe l’indol-3- carbinolo, contenuto in questi vegetali, a “spegnere” un gene che favorisce lo sviluppo dei tumori.

Indol-3-carbinolo: la proteina antitumorale

Questa proteina vegetale, presente nei broccoli e in tutte le altre crucifere, sarebbe in grado di “bloccare” l’attività pro-cancerogena dell’enzima WWP-1. Questa scoperta, spiega Pandolfi: “si rivela come un tallone di Achille del meccanismo innescante il tumore, che può divenire il bersaglio di nuove opzioni terapeutiche”.

Esperimenti su animali

Al momento i diversi studi che hanno portato all’importante risultato sono stati eseguiti solamente su animali predisposti ad ammalarsi di vari tumori. In particolare, si sa che la molecola PTEN (un oncosoppressore), nota per sopprimere lo sviluppo di tumori, viene disattivata da WWP-1, che a sua volta sarebbe “spento” dall’indol-3-carbinolo, con la conseguente “accensione” della funzione oncosoppressore di PTEN. Pur essendo molto soddisfatti di aver scoperto il potere antitumorale dell’indol-3-carbinolo, una futura base per sviluppare nuove terapie anticancerogene, gli scienziati riferiscono che si tratta di una ricerca preliminare che dovrà essere confermata da successivi studi.

 

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

I broccoli appartengono alla famiglia delle “crucifere”,  il cui nome deriva dalla caratteristica forma del fiore a quattro petali disposti a croce.

 

 

Fonti / Bibliografia

  • Reactivation of PTEN tumor suppressor for cancer treatment through inhibition of a MYC-WWP1 inhibitory pathway | ScienceThe protein PTEN is a phosphatase and tumor suppressor whose activity is often decreased in human cancers. Thus, reactivating such a protein could potentially be an effective therapy against cancer. Lee et al. identified a ubiquitin E3 ligase (WWP1) as a PTEN-interacting protein that modifies PTEN and inhibits its tumor suppressive activity (see the Perspective by Parsons). Depletion of WWP1 increased dimerization and membrane recruitment of PTEN. A natural compound found to be a pharmacological inhibitor of WWP1 inhibited tumor growth in a mouse model of prostate cancer. Thus, reactivation of the tumor suppressor PTEN may provide a strategy for battling tumors.Science , this issue p. [eaau0159][1]; see also p. [633][2]### INTRODUCTIONInhibition of oncogenic proteins represents a mainstay approach for cancer therapeutic development. By contrast, pharmacological modulation of tumor suppressor activity for the treatment of cancer has remained elusive. PTEN is a potent tumor suppres...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti