Caffeina per dimagrire? Una fake news

Laura Raimondi A cura di Laura Raimondi Pubblicato il 28/09/2018 Aggiornato il 28/09/2018

Contrariamente a quanto si riteneva, la caffeina per dimagrire non è efficace a lungo termine. Sfatato un mito

Caffeina per dimagrire? Una fake news

La caffeina per dimagrire non inciderebbe nel lungo periodo. Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista medica Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, ha scoperto, infatti, che dopo l’assunzione di una piccola quantità di caffeina i partecipanti ingerivano il 10% in meno di cibo al buffet della colazione. Tuttavia, questo ridotto apporto calorico non era mantenuto, ma anzi compensato nel resto della giornata.

Regolatore dell’appetito

“Studi precedenti”, ha spiegato il principale autore dello studio, Leah M. Panek-Shirley, del Department Exercise and Nutrition Sciences della SUNY University at Buffalo, “speculavano sul ruolo di acceleratore metabolico o sugli effetti anoressizzanti della caffeina per dimagrire; Dati epistemologici suggeriscono che un consumo regolare di caffeina corrisponde nei consumatori a un minor indice di massa corporea (Imc) rispetto ai non consumatori”. E in effetti la caffeina è di frequente impiegata negli integratori che regolano l’appetito e che si propongono di facilitare la perdita di peso. Questo ha motivato i ricercatori a testare scientificamente gli effetti della caffeina per dimagrire.

Lo studio “double-blind”

Nella ricerca sono stati coinvolti 50 adulti per un periodo di un mese, utilizzando la tecnica “double- blind”: sia i ricercatori sia i volontari erano all’oscuro di chi riceveva una delle due dosi di caffeina oppure il placebo. Il gruppo dei partecipanti doveva sottoporsi settimanalmente ai test: ogni volta dovevano bere un succo con caffeina aggiunta, da 100 o 200 ml (1 mg/kg oppure 3 mg/Kg), oppure un succo senza caffeina (placebo), e dopo circa mezz’ora venivano invitati a fare colazione a un ricco buffet, prendendo nota di che cosa avevano mangiato per monitorare il livello di appetito e l’introito calorico nel corso della giornata.

Risultati non duraturi

Dai dati raccolti è emerso che, dopo aver assunto 3mg/kg di caffeina, i partecipanti avevano incamerato 70 calorie in meno rispetto ai giorni in cui avevano assunto solo 1 mg/kg di caffeina o il placebo. Tuttavia, monitorando il diario alimentare dei volontari, i ricercatori hanno appurato che questa riduzione non era continuativa. Infatti, chi aveva assunto meno calorie a colazione compensava mangiando di più durante il resto della giornata. Inoltre, l’indice di massa corporea non aveva subito cambiamenti. In conclusione, i ricercatori hanno confermato l’importanza di mantenere buone abitudine alimentari e non affidarsi al consumo di alimenti “miracolosi”, nemmeno della caffeina per dimagrire.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I ragazzi italiani consumano troppa caffeina: tante conseguenze sulla salute.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti