Carne rossa: potrebbe provocare mutazioni del Dna

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 17/08/2021 Aggiornato il 17/08/2021

Il dibattito scientifico sulla prevenzione contro il tumore del colon-retto si fa di nuovo acceso: un recente studio dimostrerebbe come un alto consumo di carne rossa provochi danni al Dna in relazione a questo cancro

Carne rossa: potrebbe provocare mutazioni del Dna

Scoperta una possibile relazione scientifica tra alti consumi di carne rossa, processata e non, e ruolo cancerogeno di questo alimento nello sviluppo del tumore al colon-retto, che è tra quelli più diagnosticati nel mondo.

È il risultato di una ricerca pubblicata sulla rivista “Cancer Discovery” e condotta dal dottor Marios Giannakis, professore di medicina all’Harvard Medical School e oncologo del Dana-Farber Cancer Institute.

Trovate le mutazioni sul Dna

Per la prima volta, riferisce Giannakis, sono state identificate un insieme di mutazioni nei tumori di colon-retto prelevati dai pazienti, associate a un alto consumo di carni rosse prima della diagnosi.

Si tratta di mutazioni “per alchilazione” già osservate in modelli animali. Nel dettaglio, il danno riscontrato sul Dna interesserebbe due geni:

1.     il gene KRAS, in particolare per due mutazioni (G12D e G13D),

2.     il gene PIK3CA.

Entrambi sono risultati già associati al tumore del colon-retto. Inoltre, il team di ricercatori ha osservato:

  • l’associazione tra carne rossa e mutazioni da alchilazione;
  • la mutazione di KRAS può causare il cancro.
     

    Lo studio su 900 pazienti

Lo studio si è basato su un’indagine alimentare effettuata in modo prospettico, cioè non a posteriori e, quindi, senza errori dovuti a ricordi non veritieri, adottando questionari, ampiamente, validati.

Il consumo mediano di carne rossa tal quale o lavorata (manzo, agnello, maiale) dei pazienti prima della malattia era di 150 grammi/die.

Dai dati raccolti sono emersi i seguenti risultati:

1.     i pazienti che avevano riportato un consumo maggiore di carne rossa erano quelli che mostravano più danni al Dna;

2.     questo tipo di mutazioni sarebbero quelle più presenti nei tumori della parte finale sinistra del colon, gli stessi per cui anche l’associazione epidemiologica è più forte;

3.     non è stata trovata alcuna associazione con il consumo di pollo e pesce.

Altre variabili coinvolte nello sviluppo del tumore

È quello che ipotizzano i ricercatori, anche perché il consumo di carne rossa, da solo, non spiegherebbe tutti i danni al Dna da alchilazione osservati nella ricerca.

Potrebbero esserci, perciò, altri fattori genetici che aumentano o riducono la quantità di danni che persone diverse accumulano per una stessa quantità di carne rossa consumata.

In conclusione, restano alcuni dubbi che al momento la scienza non è in grado di rispondere, per i quali serviranno nuovi esperimenti per comprendere la biologia dello sviluppo di malattie complesse e multifattoriali come il cancro. 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Già nel 2015 l’International Agency for Research on Cancer (IARC) inseriva la carne rossa tra gli agenti cancerogeni per gli esseri umani, pur non conoscendo il meccanismo molecolare alla base dello sviluppo del tumore, ma basandosi su esperimenti in modelli di animali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti