Cibi fermentati: fanno bene alla salute e al portafoglio

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 11/06/2020 Aggiornato il 11/06/2020

Yogurt, kefir e lievito madre, cibi fermentati che possono essere prodotti anche in casa, migliorano la flora intestinale e apportano tanti benefici alla salute. Ottime anche le verdure

Cibi fermentati: fanno bene alla salute e al portafoglio

Lo sapevi che i cibi fermentati fanno bene alla salute? Tra l’altro è possibile produrli anche in casa, l’importante è scegliere materie prime non troppo raffinate, ma di buona qualità e validi starter, cioè innesti, attivatori della fermentazione.

Lo yogurt fai-da-te

È il più importante derivato del latte e si ottiene, secondo la normativa italiana, dalla fermentazione del latte a opera di due specifici batteri: il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus termophilus. I fermenti operano profonde modifiche nella composizione del latte, trasformandolo in un alimento ad altissimo valore nutritivo.

Secondo Simone Guglielmetti, professore associato in Microbiologia presso il Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente dell’Università degli Studi di Milano, per ottenere lo yogurt in casa bisogna partire da un buon latte e da qualche cucchiaio di yogurt di buona qualità. Per facilitarne la preparazione ed evitare contaminazioni del prodotto, meglio poi utilizzare la yogurtiera.

Il lievito madre o pasta acida

Preparando un impasto di acqua e farina, i microrganismi naturalmente presenti nei due ingredienti, insieme a quelli dell’aria, iniziano una fermentazione che porta alla produzione del lievito madre.

Per ottenere un buon lievito madre gli esperti consigliano di utilizzare una farina di buona qualità poco raffinata, poiché la raffinazione riduce i microrganismi che possono innescare la reazione di fermentazione. Ecco cosa serve: 200 g di farina, 100 g di acqua; frutta matura, come albicocche o polpa di mela frullata, necessaria a nutrire i batteri che si sviluppano con la fermentazione. Lo chef Baldassare utilizza, invece, dello yogurt di buona qualità come starter o acceleratore della fermentazione. Secondo l’esperto la reazione si avvia entro 48 ore, se conservato in un ambiente privo di correnti d’aria. Ecco come procedere:

– riprendere circa 50 g di impasto;

– passare al rinfresco, cioè a nutrire e curare il lievito madre aggiungendo acqua e farina in rapporto 1:1:1;

– continuare con rinfreschi giornalieri fino a quando il lievito madre non avrà una forza tale da garantire una perfetta lievitazione dei prodotti desiderati.

Il lievito madre è pronto quando duplica di volume in circa 3 ore. Va poi conservato in frigo e rinfrescato ogni 4-5 giorni.

Probiotici nelle verdure fermentate

Ecco il metodo, semplice e salutare,  per preparare le verdure fermentate:

– tagliare a tocchetti le verdure (carote, finocchi, cetrioli);

– posizionarle in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati (per esempio con la bollitura) e riempirli con la salamoia preparata nella proporzione di 30 g per litro di acqua;

– chiudere i vasetti senza sigillarli. La fermentazione inizia da sola, l’importante è non aprire i vasetti perché il processo fermentativo non vuole aria;

– dopo qualche giorno la fermentazione si ferma  e le verdure, pronte per il consumo dopo 2-4 settimane, si sono arricchite di preziosi probiotici per il microbiota intestinale.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il sapore delle verdure fermentate è meno acido e più morbido dei sottaceti per la presenza di acido lattico e l’assenza di aceto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti