Cibo spazzatura provoca crisi d’astinenza come la droga

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 20/11/2018 Aggiornato il 20/11/2018

La “Junk food addiction” esiste ed è paragonabile alle altre forme di dipendenza. Se si smette di mangiare cibo spazzatura come patatine fritte, bibite gassate, dolci, snack e fritture, si va in crisi

Cibo spazzatura provoca crisi d’astinenza come la droga

Il consumo eccessivo cibo spazzatura può scatenare nel cervello meccanismi analoghi a quelli attivati da altre forme di dipendenza. Quando si rinuncia agli alimenti supercalorici, come hamburger, bibite gassate e snack, quindi si potranno avvertire, almeno nella prima settimana, i sintomi di astinenza di un tossicodipendente che non consuma droga (come mal di testa, irritabilità, crisi d’ansia, depressione). Questa tesi è sostenuta da uno studio condotto da Erica Schulte presso la University of Michigan e pubblicato sulla rivista medica Appetite. Per la verità, in passato, erano stati condotti altri studi simili e i risultati di quest’ultimo confermano che il consumo di cibo spazzatura provoca dipendenza come le droghe.

I sintomi dell’astinenza

I ricercatori del Michigan hanno puntato l’attenzione sui sintomi d’astinenza di chi decide di rinunciare al consumo di cibi spazzatura dopo un periodo, più o meno lungo, di abuso. Nello studio sono stati coinvolti  231 volontari che hanno scelto di “disintossicarsi” dallo “junk food”.  I partecipanti hanno segnalato tutti i sintomi , fisici e mentali avvertiti nei primi giorni. Secondo gli autori, tra il secondo e il quinto giorno di astinenza, si manifestano sentimenti di tristezza e irritabilità, nonché lo sfrenato desiderio di mangiare ancora degli alimenti dolci e grassi. Questi sintomi tendono ad affievolirsi con il passare dei giorni. 

 

 
 
 

Da sapere!

Il cibo spazzatura o “junk food” è troppo presente nell’alimentazione di molte famiglie. Abusare di alimenti iperproteici, ma poco nutrienti può provocare seri danni alla salute.  Grassi saturi e zuccheri possono causare, alla lunga, l’insorgenza di gravi malattie come il diabete, l’obesità e tumori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti