Come dimagrire dopo il parto? Prova la dieta 369

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/09/2013 Aggiornato il 30/09/2013

È la novità del momento: ecco come dimagrire dopo il parto senza… dare i numeri

Come dimagrire dopo il parto? Prova la dieta 369

Non hai ancora smaltito i chili della gravidanza e non sai come dimagrire dopo il parto? Prova la dieta 369, un programma dietetico personalizzato ideato da MinceurDiscount, il più grande negozio online di prodotti dimagranti. Non è ancora molta diffusa in Italia, ma in Francia, Spagna, Paesi Bassi e Belgio ha già spopolato. Il programma alimentare è semplice: basta associare ai prodotti iperproteici alimenti tradizionali come verdura e frutta. La perdita di peso è rapida e si concentra nei primi giorni, mentre la durata del programma varia a seconda degli obiettivi prefissati: 18 giorni per perdere 3 kg, 36 giorni per la dieta 6 kg e 54 giorni per la dieta 9 kg.

Come è strutturata la dieta

Il kit “all inclusive” include una guida che descrive come dimagrire, i cibi e le ricette consigliati e un certo numero di prodotti: 70 per la dieta 3 kg, 133 per la dieta 6 kg o 189 per la dieta 9 kg. Più si procede con la dieta e meno prodotti sono previsti nel corso della giornata. Si distinguono 3 fasi:

– Fase Declic o fase starter: fa scattare una rapida perdita di peso. In questa fase l’organismo consuma i grassi di riserva per trasformarli in energia. Prevede 5 pasti con prodotti sostitutivi e varia dai 3 ai 9 giorni.

– Fase Detox o detossinante: è la fase purificante. Prevede 4 pasti con prodotti sostitutivi + 1 pasto principale con proteine classiche (carne, pesce, uova) e dura dai 6 ai 18 giorni.

– Fase Distensiva o di stabilizzazione: è la fase di consolidamento del peso forma ed è la più impegnativa. Prevede 2 spuntini con prodotti sostitutivi del pasto + 3 pasti con proteine classiche e la progressiva reintroduzione dei carboidrati. Dura dai 9 ai 27 giorni.

I principi alimentari della dieta 369

Ma come funziona questa dieta per dimagrire? Essenzialmente s basa sul principio della dieta proteica, ma oltre alle proteine, permette l’assunzione di molti altri alimenti: frutta, verdura a volontà e latticini. Diminuisce, invece, l’apporto dei carboidrati per consentire all’organismo di ridurne le scorte e di innescare il processo di chetosi e, di conseguenza, di dimagrimento. L’organismo non ricevendo l’apporto dei carboidrati (o zuccheri), innesca il processo metabolico della chetosi e comincia ad utilizzare i grassi per poter produrre i “corpi chetonici”. Ciò comporta un dimagrimento attivo perché diminuisce la massa grassa senza attaccare la massa magra (muscoli). Come in tutti regimi dietetici, occorre seguire tutte le fasi della dieta, soprattutto quella di stabilizzazione, essenziale per imparare a rintrodurre tutti gli alimenti,  e rispettare la durata delle 3 fasi per evitare di riprendere i chili persi. 

In breve

A CHI È SCONSIGLIATA

La dieta del 369 non può essere seguita dalle donne in gravidanza o in fase di allattamento, dai bambini e dagli adolescenti, in caso di malattie cardiovascolari, del fegato e renali, disturbi alimentari, terapie farmacologiche. In ogni caso si raccomanda di sottoporsi a un controllo medico prima di iniziare la dieta, soprattutto quando si tratta di dimagrimenti importanti (oltre i 10 kg). 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti