Crash diet da 700 calorie al giorno: occhio alla salute

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Dietro controllo medico le crash diet aiutano a dimagrire e migliorare i parametri del diabete 2: no al fai-da-te. Ecco perché

Crash diet da 700 calorie al giorno: occhio alla salute

Possono essere considerate, se adottate in contesti precisi ed esclusivamente dietro consiglio e controllo del medico, uno strumento incisivo per perdere peso, vedere ridurre la pressione arteriosa e migliorare i parametri del diabete di tipo 2: ma non devono mai, in nessun caso, essere svolte in autonomia. Le crash diet o “diete crash” comportano, infatti, un ridotto introito calorico e, se da una parte possono essere utilizzate come parte di una terapia medica, dall’altra possono comportare una riduzione, anche se transitoria, della funzionalità cardiaca, in particolare della capacità di pompare sangue. Gli effetti negativi di queste diete sulla capacità cardiocircolatoria sono stati rilevati da uno studio della European Society of Cardiology  presentato al meeting internazionale dedicato alla cardiologia CMR 2018.

Ridotto importo calorico

Le crash diet sono regimi alimentari piuttosto rigidi basati sull’assunzione di particolari barrette o bevande sostitutive del pasto che forniscono tutti i nutrienti necessari per l’organismo, riducendo però in maniera determinante l’impatto calorico, portandolo a circa 700 calorie giornaliere. Queste diete sono in grado di far perdere fino a 10 chili di peso in un periodo di tempo molto breve e hanno un impatto notevole anche sul colesterolo e sul metabolismo: motivi per i quali è necessario che vengano svolte solo su indicazione e dietro controllo medico.

Pazienti obesi

I soggetti obesi sono quelli per i quali il regime dietetico indicato nelle crash diet può essere indicato (sempre dietro controllo medico, e sempre evitando il fai-da-te). Come spiega Filippo Crea, direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari al Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, “nel caso di persone obese con un indice di massa corporea (bmi) fra 30 e 40, la somministrazione di queste crash diet ad apporto calorico altamente ridotto può essere opportuna. Sempre, ovviamente, dietro controllo specialistico”. Nei soggetti sovrappeso, invece, ovvero quelli con indice di massa corporea compreso fra 25 e 30, queste diete non sono indicate salvo situazioni particolari, mentre nei soggetti gravemente obesi (Bmi sopra 40) si ricorre ad altri interventi, tra cui la chirurgia bariatrica.

Cuore più “grasso”

Dallo studio condotto dalla European Society of Cardiology  è emerso che l’improvviso crollo dell’introito calorico dovuto alle crash diet fa sì che il grasso rilasciato nel sangue da diverse parti del corpo venga assorbito dal muscolo cardiaco, aumentando il tessuto adiposo a carico del cuore, affaticandolo e riducendo la sua capacità di pompare sangue.

Effetto temporaneo

L’effetto negativo, però, è transitorio: dopo 8 settimane i ricercatori hanno osservato che il grasso a livello del cuore era diminuito e la funzionalità dell’organo migliorata. Ora rimane da capire, concludono i ricercatori, se l’aumento di grasso a carico del cuore – seppur per un periodo di tempo circoscritto – possa avere un impatto sulla salute cardiaca.  

 

 
 
 

Da sapere!

Diete molto rigide come le crash diet vanno seguite per un periodo limitato di tempo e solo stretto controllo medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti