Diabete: la dieta lo previene

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/06/2015 Aggiornato il 15/06/2015

Tutti conoscono la dieta per diabetici ma pochi quella che serve a prevenire il diabete. Il rischio aumenta se la dieta è ricca di grassi saturi nocivi. A confermarlo la scoperta di una proteina nemica delle cellule pancreatiche

Diabete: la dieta lo previene

Il diabete è una malattia metabolica sempre più diffusa. Colpa anche delle cattive abitudini quotidiane, che possono aumentare notevolmente i rischi. Sotto accusa soprattutto l’alimentazione, che dovrebbe essere salutare ed equilibrata fin dai primi anni di vita. Invece, spesso è poco equilibrata.

No ai grassi saturi

In particolare, è nociva la dieta ricca di grassi saturi: infatti, può provocare danni irreversibili alle cellule beta pancreatiche responsabili della produzione di insulina, un ormone che svolge un ruolo chiave nello sviluppo del diabete. A confermare questa evidenza, un recente studio condotto da un team di esperti italiani, che hanno anche scoperto la proteina “killer” delle cellule pancreatiche.

La scoperta italiana

Un team di esperti dell’Università di Bari, in collaborazione con l’Università di Pisa e l’Università di Padova, e sotto l’egida della Sid, la Società italiana di diabetologia, ha indagato gli effetti sull’organismo di un particolare acido grasso, il palmitano, contenuto tra gli altri nell’olio di palma. I ricercatori hanno osservato e monitorato alcuni topi di laboratorio cui erano stati somministrati grassi saturi nocivi. In questo modo sono riusciti a smascherare un circolo vizioso pericolosissimo, che è alla base della comparsa del diabete e dell’aumento del rischio di comparsa della malattia, nei bambini come negli adulti.

Pericoloso circolo vizioso

Dalla ricerca sui topi è emerso che la dieta ricca di grassi nocivi è all’origine del danneggiamento e della morte delle cellule di molti organi del corpo umano. Compreso il pancreas e, soprattutto, delle cellule beta pancreatiche deputate alla produzione dell’insulina. Si tratta dell’ormone che permette agli zuccheri introdotti con l’alimentazione di entrare nulle cellule per nutrirle, evitando di ristagnare nel sangue. Se l’insulina è insufficiente, i livelli di zuccheri nel sangue aumentano.

Modificazioni irreversibili

La colpa della morte delle cellule pancreatiche è da attribuire, stando ai risultati dello studio, soprattutto a una proteina “killer”, la p66sh. Nel dettaglio, la proteina p66Shc induce lo stress ossidativo delle cellule, che le porta a danneggiarsi progressivamente fino a perdere ogni funzione, andando incontro alla morte (apoptosi). Proteina, questa, il cui aumento è direttamente proporzionale all’eccesso di grassi ingeriti durante i pasti.

 

 

 
 
 

In breve

 

ATTENZIONE ANCHE ALL’OBESITÀ

Il sovrappeso e l’obesità sono da considerare fattori di rischi pericolosi per lo sviluppo del diabete. Ecco perché è essenziale prestare grande attenzione alla dieta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti