Dieta salva-cervello: più carboidrati e meno proteine

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 29/01/2019 Aggiornato il 29/01/2019

Se si vuole invecchiare bene di testa, occorre seguire una dieta salva-cervello, ricca di carboidrati, come quelli della patata dolce, e povera di proteine. Parola di uno studio australiano!

Dieta salva-cervello: più carboidrati e meno proteine

Più carboidrati e meno proteine: ecco la dieta salva-cervello. Sì, perché nutrendosi così, il cervello invecchierebbe in modo sano. È il risultato a cui è giunto un gruppo di ricercatori dell’Università di Sidney con uno studio pubblicato sull’autorevole rivista scientifica Cell Reports.

Studiato l’ippocampo

Lo studio è stato fatto sui topi. Gli animali di laboratorio sono stati alimentati con carboidrati complessi derivati dall’amido e le proteine della caseina del formaggio e del latte. La zona del cervello più studiata è stata quella dell’ippocampo, l’area responsabile dell’apprendimento e della memoria. Secondo Le Couteur, l’autore senior della ricerca, “L’ippocampo è la prima parte del cervello a deteriorarsi con malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. La dieta ricca di carboidrati e con poche proteine sembra promuovere salute e biologia dell’ippocampo nei topi, in misura ancora maggiore di quella ipocalorica”.

Sì a poche calorie

Da anni le diete con restrizione calorica sono studiate per i loro effetti benefici sulla longevità, del fisico e della mente. Si sa infatti che solo riducendo le calorie introdotte ogni giorno si aumentano le probabilità di invecchiare bene. E ci sono tanti studi al riguardo. I roditori poi stati sottoposti anche a test di memoria spaziale e mnemonici, da cui sono emersi modesti miglioramenti.

Dieta sana con la patata dolce

È stata, inoltre, studiata la dieta tradizionale di Okinawa in Giappone, che è costituita da solo il 9% di proteine, rappresentate da pesce magro, soia e vegetali e pochissima carne bovina. È interessante notare, riferisce Le Couteur, che una delle principali fonti di carboidrati è la patata dolce, i cui effetti benefici sul cervello sono allo studio da tempo.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

LA DEMENZA SI CURERÀ CON LA DIETA?

Attualmente non esistono trattamenti farmacologici efficaci per la demenza. È possibile solo rallentare questo tipo di malattie, ma non fermarle. La dieta è una prevenzione fondamentale. Lo studio porrebbe le basi per poter individuare quelle diete in grado di influenzare il modo in cui il cervello invecchia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti