Dieta sana: riabilitati formaggio, panna e burro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/02/2017 Aggiornato il 09/02/2017

I grassi saturi dei formaggi, della panna e del burro potrebbero avere effetti benefici nella prevenzione delle malattie cardiache, se si limita, però, il consumo dei carboidrati. Ecco perché possono essere inseriti in una dieta sana

Dieta sana: riabilitati formaggio, panna e burro

Portare a tavola formaggi, panna e burro si può! Anzi, si deve. Potrebbero avere, infatti, degli effetti benefici alla salute, purché si riduca il consumo dei carboidrati. A sostenerlo è uno studio dell’università di Bergen, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition che ha riabilitato questi alimenti, sdoganandone il consumo in una dieta sana.

Non fanno salire il colesterolo

Secondo i ricercatori norvegesi mangiare latticini come formaggi, panna e burro non causerebbe l’aumento del colesterolo cattivo come spesso si teme. Dall’esperimento condotto su 40 uomini obesi sarebbe, infatti, stata osservata una risposta metabolica molto positiva. Il campione è stato suddiviso in due gruppi:

  • al primo gruppo è stata data una dieta povera di grassi e con molti carboidrati;
  • al secondo gruppo, viceversa, cioè una dieta povera di carboidrati e il doppio di grassi saturi normalmente previsti, con il 24% del valore energetico giornaliero ricavato dal solo burro.

In entrambi i casi, la dieta prevedeva un apporto calorico di circa 2.100 calorie, un largo consumo di verdure e l’eliminazione di cibo spazzatura, cosiddetto junk food. Al termine dell’esperimento tutti avevano perso in media 12 chili, molti dei quali di grasso corporeo, riducendo i rischi collegati all’obesità, come ipertensione e diabete.

Spiegato il “paradosso francese”

Questo studio aiuta, infine, a spiegare anche il cosiddetto “paradosso francese”, ossia il fatto che in Francia si abbia un basso tasso di malattie cardiovascolari, pur privilegiando una dieta che prevede un alto consumo di formaggi, panna e burro, tutti alimenti ricchi di grassi saturi.

 

 
 
 

da sapere!

Il vino rosso, ricco di antiossidanti, e in particolare di resveratrolo, svolge un ruolo protettivo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Non bisogna, però, esagerare!

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti