Diete diverse, stessi (quasi) risultati

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/10/2014 Aggiornato il 23/10/2014

Non esiste una dieta migliore di altre per dimagrire. L’essenziale è seguire in modo corretto il programma di dimagrimento scelto. In altre parole è solo questione di “gusti”

Diete diverse, stessi (quasi) risultati

Ricercatori canadesi hanno recentemente analizzato i risultati di circa 50 studi sull’efficacia di diverse diete per la perdita di peso, per un totale di circa 7300 individui coinvolti.

Questa o quella, pari sono

Non c’è differenza tra diete low-carb e low-fat in termini di dimagrimento. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulle pagine di JAMA. Infatti, una volta tenute in considerazione le differenze in termini di attività fisica svolta e sostegno comportamentale ricevuto, tutti i programmi sarebbero risultati più efficaci rispetto alla scelta di non mettersi a dieta.

Perdite di peso simili

In particolare, in 6 mesi una dieta a basso contenuto di carboidrati permette di perdere in media 8,7 kg, un dimagrimento non molto diverso da quello di una dieta a basso contenuto di grassi, che raggiunge i meno 8 kg. E anche il dimagrimento raggiunto con altre diete sarebbe simile in termini di chili persi. Secondo gli autori dello studio: “i nostri risultati dovrebbero rassicurare sia i medici sia le persone sul fatto che non c’è bisogno di un approccio al dimagrimento che vada bene per tutti, perché molte diete diverse sembrano portare a benefici considerevoli in termini di perdita di peso”.

I rischi delle diete troppo rigide

Crisi di desiderio nei confronti del cibo associate a certe diete strette è quanto possono andare incontro coloro che seguono una dieta restrittiva, che può arrivare anche a sfidare tradizioni e cultura come, per esempio, nel caso in cui venga esclusa la pasta. Secondo gli esperti, invece, i risultati dello studio sottolineerebbero che i pazienti possono scegliere la dieta fra quelle associate alla maggiore perdita di peso, che li metterebbe davanti alle minori sfide nel seguirla. E per concludere con le stesse parole degli autori “Una strategia di questo tipo può offrire ai pazienti più scelte nei momenti in cui cercano di seguire una dieta e di cambiare lo stile di vita”.

  

In breve

PER CHI HA POCO TEMPO

Per chi volesse raggiungere risultati in tempi è stata elaborata una dieta di tre giorni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti