Effetto yo-yo: scoperta la causa

Silvia Camarda
A cura di Silvia Camarda
Pubblicato il 12/03/2019 Aggiornato il 14/03/2019

L’ effetto yo-yo, ovvero i chili persi con fatica e poi riguadagnati velocemente, potrebbe dipendere da un gruppo di batteri dell’intestino

Effetto yo-yo: scoperta la causa

Il tanto temuto effetto yo-yo post diete dimagranti dipenderebbe dalla flora batterica intestinale che migliorerebbe durante la dieta per poi ritornare come prima. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori tedeschi dello University Schleswig Holstein di Kiel

Per dimagrire 800 calorie al giorno

È il fabbisogno calorico quotidiano cui è stato sottoposto il campione dello studio costituito da diciotto adulti obesi per tre mesi. Durante il trimestre di dieta dimagrante, i ricercatori hanno osservato che la varietà dei batteri che compongono la flora batterica intestinale è migliorata, per poi tornare, tuttavia, allo stato precedente nella fase di mantenimento, quella cruciale, nella quale i chili persi si possono riguadagnare.

Il periodo di mantenimento

Terminata la dieta dimagrante, al campione è stato chiesto di seguire una dieta di mantenimento. In entrambi i regimi alimentari, sono stati analizzati campioni di feci per misurare i seguenti fattori:

  • sensibilità all’insulina;
  • attività dei batteri intestinali;
  • diversità dei batteri intestinali.

I risultati ottenuti sono stati comparati con quelli di un gruppo di controllo di tredici adulti obesi e tredici in forma. È emerso che mentre alla fine del regime dietetico vero e proprio la flora batterica risultava più diversificata, tale diversità non si sarebbe conservata durante la fase di mantenimento del peso. In pratica, la flora batterica intestinale, nonostante una perdita di peso media di 20 kg, poi torna come prima. Determinando il recupero dei chili faticosamente persi! 

 

 
 
 

da sapere!

Con il termine effetto yo-yo si intende la perdita e il riacquisto di peso corporeo in modo ciclico, dopo aver seguito rigide diete ipocaloriche.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti