Dimagrire con il gelato si può

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 17/06/2019 Aggiornato il 18/06/2019

Fresco, gustoso, nutriente, appagante e - a sorpresa- anche alleato della linea, il gelato è l’alimento ideale per la stagione estiva. Ecco come gustarlo anche se si è a dieta

Dimagrire con il gelato si può

Anche il gelato, spesso vietato nelle diete dimagranti, può essere inserito in un regime dietetico. Basta fare le giuste sostituzioni e scegliere le varianti più light.  A parlare è Pietro Migliaccio, nutrizionista e Presidente della Società Italiana di Alimentazione. Secondo il Professor Migliaccio è sbagliato colpevolizzare il gelato perché è un alimento ricco di tante buone qualità, non solo dal punto di vista “palatabilità”, ma anche “psicologico” in quanto è in grado di “motivare” molto di più chi deve seguire una dieta dimagrante!

La dieta del gelato

Se volete perdere due o tre chili in pochi giorni, senza rinunciare alla “golosità” verso il dolce, Migliaccio propone la dieta del gelato. L’importante è che questo alimento venga considerato un vero e proprio pasto da sostituire a quello tradizionale e non da aggiungere al primo e secondo come dessert.  Per una settimana sarà dunque possibile sostituire un pasto (pranzo o cena) con un gelato, facendolo seguire da un frutto o da una macedonia.

Il valore nutrizionale del gelato

Gli ingredienti di partenza del gelato sono latte, uova, zucchero, a cui si aggiungono caffè, cacao o frutta, tutti alimenti con ottime proprietà nutrizionali. In particolare:

  • proteine ad elevato valore biologico,
  • grassi di buona qualità,
  • zuccheri a rapido assorbimento e a pronta disponibilità energetica come lattosio e saccarosio
  • vitamine A2 e B2
  • calcio e fosforo
  • amido, un carboidrato complesso a lento assorbimento, se consideriamo anche le cialde, il cono o il biscotto a base di cereali consumati insieme al gelato.

Le altre proprietà salutari del gelato

Il gelato è inoltre ricchissimo di acqua (più del 60%), preziosa per reidratare l’organismo. Rispetto a quando si beve un bicchiere di acqua, il gelato non dà quella sensazione immediata di soddisfazione di sete, ma ha dalla sua quella di non provocare l’effetto di successiva vasodilatazione. In più, il gelato, per la sua caratteristica di essere freddo, ha un alto potere saziante. La sua bassa temperatura, infatti, fa si che si mangi lentamente, così che l’organismo riesce ad attivare i meccanismi della sazietà.

 

 

 

In breve

IMPORTANTE SAPERE SCEGLIERE

I gelati artigianali sono più calorici di quelli industriali, che contengono più aria. I più sostanziosi sono quelli a base di creme: per esempio 100 grammi di gelato al fiordilatte contengono 218 calorie, contro le 193 del gusto stracciatella o 173 del gusto cacao. Il gelato al gusto di frutta apporta, invece, meno calorie: circa 130 calorie per 100 grammi. E poi ci sono anche i sorbetti, meno nutrienti (senza latte, panna e uova), ma anche meno calorici, adatti per una rinfrescante merenda pomeridiana.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti