Dimagrire in 3 giorni e senza fatica: ecco come

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/09/2014 Aggiornato il 04/09/2014

Con la dieta dei 3 giorni si può dimagrire senza fatica. L’importante è seguire alla lettera tutte le regole che la caratterizzano per 3 giorni al mese

Dimagrire in 3 giorni e senza fatica: ecco come

Il principio della dieta dei 3 giorni per dimagrire senza fatica è che ognuno di noi deve saper sviluppare con il cibo un rapporto sereno e consapevole.

Meno 2-3 chili al mese

La dieta dei 3 giorni per dimagrire senza fatica è facile da seguire perché dura solo tre giorni al mese, ma è equilibrata e ti aiuta a sgonfiare e depurare. Se devi perdere 4-5 chili, puoi ripeterla per qualche mese, fino a raggiungere l’obiettivo prestabilito.

Come raggiungere il peso forma

Raggiungi il peso forma se:

– bevi molto

– mangi cibi integrali, che saziano, e soprattutto tante verdure

– rispetti la quantità degli alimenti

– abolisci lo zucchero

– non salti i pasti

– tamponi gli attacchi di fame con tisane, tè o insalata cruda.

5 pasti al giorno

A colazione puoi scegliere tra un centrifugato di frutta fresca, una tazza di caffè d’orzo oppure di tè, accompagnato da due fette biscottate integrali e un cucchiaino di miele. Gli spuntini di metà mattina e pomeriggio devono essere a base di frutta: un frullato di mela e banana oppure un kiwi o una spremuta di arancia e pompelmo senza zucchero. La dieta dei 3 giorni per dimagrire senza fatica prevede come pranzo del primo giorno 50 g di riso integrale e verdure crude a volontà, entrambi conditi con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva; quello del secondo giorno 100 g di passato di verdure con 50 g di cereali integrali e finocchi crudi; il terzo giorno  insalata mista, un uovo sodo, una ciotola di fragole e frutti di bosco, una tisana di tarassaco, gramigna e betulla. La cena del primo giorno consiste di 200 g di pesce alla griglia con un panino integrale, verdure cotte e crude a piacere condite con poco olio e un kiwi; il secondo giorno 150 g di carne bianca come pollo e tacchino con verdura grigliata e un panino integrale; il terzo giorno prevede due tazze di brodo vegetale, 200 g di salmone alla griglia e una patata cotta al vapore.

In breve

UNA TISANA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

Per concludere la giornata, per tutti e 3 i giorni bevi una tisana di carciofo o betulla o melissa, malva o tiglio. Terminati i 3 giorni di dieta, non devi mai buttarti sul cibo come se avessi digiunato per una settimana. Prendere i chili è facile, smaltirli no!

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti