Dna: la dieta vegetariana lo modifica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/05/2016 Aggiornato il 20/05/2016

Alimentarsi regolarmente con una dieta vegetariana può portare con il tempo a una modifica del Dna. Quali conseguenze?

Dna: la dieta vegetariana lo modifica

Nel corso del tempo il genoma umano si adatta alla dieta. Alimentarsi, cioè, abitualmente con una dieta vegetariana porta con l’evoluzione a un cambiamento del Dna in alcune popolazioni. Secondo uno studio americano la dieta verde è scritta, in pratica, nei geni di alcuni popoli, come per esempio quelli dell’India. L’indagine scientifica condotta dalla Cornell University e pubblicata su Molecular Biology and Evolution ha per la prima volta messo a confronto alcune popolazioni: una prevalentemente vegetariana (a Pune, in India), l’altra prettamente carnivora (in Kansas, Usa).

Cambia un gene

In particolare, la mutazione riguarda il gene “FADS2″ che controlla la produzione di acidi grassi nel corpo. Tale mutazione, però, incrementa anche la produzione di acido arachidonico – legato all’aumento di malattie infiammatorie e cancro – se abbinato a una dieta ricca di oli vegetali, come l’olio di semi di girasole. Ecco perché una dieta vegetariana può provocare anche una maggiore suscettibilità all’infiammazione e un aumento del rischio di alcune malattie.

Omega 3 e Omega 6

I ricercatori spiegano che quando si devono curare questi soggetti, tener conto della mutazione genetica è importante per poter adottare rimedi più efficaci. Seguire regolarmente una dieta vegetariana modifica nel tempo il Dna , in particolare di chi limita abitualmente l’apporto di grassi polinsaturi (come quelli che derivano dal pesce). Quando nella popolazione portatrice delle variazioni genetiche, legate alla dieta vegetariana, viene messo in discussione l’equilibrio tra Omega-6 (da frutta secca e legumi) e Omega-3 (pesce) si potrebbero manifestare dei problemi. Secondo gli esperti, dunque, una dieta vegetariana modifica nel tempo il Dna, in particolare seleziona una mutazione nel genoma di tipo adattivo, cioè una variazione genetica che codifica i geni coinvolti nella sintesi di lunghe catene di acidi grassi polinsaturi. Questo studio, quindi, suggerisce che non ci sono rischi nel seguire un regime alimentare di tipo vegetariano, ma quello che è importante è stare attenti a garantire all’organismo un apporto equilibrato di acidi grassi.  

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Una diversa versione del gene (l’allele) adattata alla dieta marina è stata individuata nella popolazione degli Inuit in Groenlandia, che hanno una dieta per lo più a base di pesce.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti