Effetto yo-yo fa male al cuore

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 06/05/2019 Aggiornato il 06/05/2019

La salute cardiovascolare delle donne, soprattutto quella del cuore, è a rischio con l’effetto yo-yo. Ecco perché

Effetto yo-yo fa male al cuore

Perdere peso e riacquistarlo in poco tempo, in sintesi l’effetto yo-yo legato a molte diete, può far male al cuore delle donne. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori della Columbia University di New York in occasione della conferenza: “Epi Lifestyle 2019 scientific session – Epidemiology and prevention, lifestyle and cardiometabolic health” organizzata dall’American Heart Association. Secondo il coordinatore dello studio Brooke Aggarwal, raggiungere e mantenere il peso ideale fa bene alla salute cardiovascolare, mentre le fluttuazioni di peso potrebbero essere dannose al cuore.

La ricerca su quasi 500 donne

La ricerca in oggetto ha previsto il coinvolgimento di 485 donne di età media di 37 anni con un indice di massa corporea pari a 26 (indice di sovrappeso), e il monitoraggio per 5 anni di 7 fattori di salute cardiovascolare inseriti dall’American Heart Association nel metodo “Life’s Simple 7”, che misura indice di massa corporea, colesterolo, pressione sanguigna, glicemia, fumo, attività fisica e dieta. In tutte le partecipanti si è verificato inoltre se e quante volte avessero perso almeno 10 chili e se avessero ripreso il peso perso entro un anno, escludendo il periodo delle gravidanze.

Probabile pericolo per il cuore

Il risultato ottenuto dalla ricerca è stato che il 73% delle donne aveva sperimentato almeno un episodio di perdita e ripresa di peso, con una probabilità inferiore dell’82% di avere un indice di massa corporea corrispondente al normopeso, cioè compreso tra 18,5 e 25; una probabilità inferiore del 51% di essere giudicate su un livello “moderato” in relazione al metodo di valutazione “Life’s Simple 7”; una probabilità inferiore del 65% di essere considerate su un livello “ottimale”.

Risultati peggiori con oscillazioni di peso

Gli scienziati statunitensi hanno dichiarato che i peggiori risultati ottenuti con il metodo “Life’s Simple 7” erano stati quelli in cui si erano verificati più episodi di perdita e riacquisto del peso, in particolar modo tra le donne che non avevano mai avuto gravidanze. La speranza del dottor Aggarwal è quella di poter continuare la ricerca per altri 5 anni, in modo tale da poter avere più dati confermanti gli attuali risultati e per valutare gli effetti del lungo termine.

 

Da sapere!

La dieta ideale prevede un regime alimentare moderatamente ipocalorico e una regolare attività fisica. In questo modo i chili persi non saranno ripresi come avviene con l’effetto yo-yo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti